Arriverà mai Katamarci Damacy sulla Wii?

di Gaetano Cutri Commenta

Le nostre console nel corso della storia dei videogiochi hanno visto un gran numero di giochi dall’alto grado di assurdità. Dalle simulazioni più disparate fino alla creazioni di veri e proprio nuovi generi che man mano sono entrati nel cuore degli appassionati videogiocatori dopo aver superato il classico test di resistenza e gradimento, ma alcuni ancora oggi sono così particolari da risultare quasi inspiegabile la loro esistenza.

Tra i tanti titoli più o meno inusuali che si sono affacciati sulle nostre console uno meriterebbe senz’altro il podio per la sua straordinaria originalità coadiuvata da una trama semplicemente ed affettuosamente ridicola e da una giocabilità inaspettata visto il tipo di gioco assolutamente senza senso. Il suo nome è Katamary Damacy che ha visto per la prima volta la luce su Playstation 2 partorito dalla Namco.


Di recente la serie è passata anche sulle console di nuova generazione grazie a “Beautiful Katamari” per Xbox 360, ma per i più distratti è il caso di ricordare di cosa tratti questo stranissimo gioco. In pratica noi impersoniamo un principe di un lontano pianeta che ha il compito di ricostruire luna, stelle e costellazioni che il padre, il Dio di tutto il cosmo ha distrattamente distrutto. Il mezzo con il quale formare questi nuovi astri è del tutto assurdo.

Infatti il principe dalla testa a martello deve incapsulare in una palla tutti gli oggetti e le persone che incontra sul suo cammino fin ad inghiottire interi palazzi! Il gioco era simpaticissimo, ma per qualche strano motivo un nuovo capitolo quasi annunciato per Wii pare sia stato momentaneamente accantonato facendo slittare la sua uscita a data da destinarsi. Non sappiamo bene i motivi ma speriamo di rivedere le stramberie di Katamari anche sulla console Nintendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>