Microsoft dovrebbe “sbarazzarsi” di Xbox, secondo alcuni analisti

di Andrea Guida Commenta

Le vendite di Xbox 360 sono andate tutt’altro che male nel corso degli ultimi anni, l’hype generato intorno al nome di Xbox One è già altissimo, ma secondo alcuni analisti di mercato Microsoft farebbe bene a sbarazzarsi di Xbox vendendo la divisione che si occupa dello sviluppo della console ad un’altra azienda.

In una recente nota agli investitori, l’analista della Nomura Equity Research Rick Sherlund ha descritto Xbox come “un business non abbastanza buono” per Microsoft, la quale per focalizzarsi su altri settori più remunerativi dovrebbe vendere la console ad altri colossi dell’elettronica (ad esempio Samsung) o, in alternativa, realizzare una compagnia a sé stante dedicata solo alla piattaforma videoludica.

Stesso discorso vale anche per il motore di ricerca Bing che, secondo Sherlund, Microsoft dovrebbe vendere a Facebook o Yahoo. Ma di questo, per quanto i servizi di Bing facciano parte dell’universo Xbox, ci interessa meno.

Decisamente più interessante, sarà vedere come si evolverà lo scenario intorno al marchio Xbox di qui a qualche anno. Perché se è vero che allo stato attuale è impensabile che Microsoft venda la sua console o decida di produrla con un altro marchio, un possibile flop commerciale di Xbox One – che attualmente è travolta dalle polemiche relative a giochi usati e Kinect – potrebbe effettivamente mettere in discussione il futuro di questo brand.

Adesso però è meglio concentrarsi sul presente, o per meglio dire sul prossimo futuro. Per chi non se lo fosse ancora segnato sul calendario, il prossimo 10 giugno è in programma un’importante conferenza di Microsoft durante la quale l’azienda svelerà numerosi giochi ed esclusive per Xbox One. Anche da lì, passerà il futuro della console. C’è da scommetterci.

[via]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>