Software per fotolibri, come sfruttarli al meglio

di Redazione Commenta

Chi ha l’abitudine di utilizzare il computer per i video giochi acquisisce anche una certa dimestichezza nell’utilizzo di diversi software. Anche se non si ha la necessità di diventare dei veri e propri esperti, prima o poi capita a tutti la necessità di sfruttare il computer per svolgere qualche piccolo compito, come ad esempio quello di preparare un fotolibro. Stiamo parlando della novità degli ultimi anni: dei veri e propri libri in cui inserire le immagini più belle e divertenti della nostra vita, o anche solo di una particolare giornata. Non serve per forza sfruttare il fotolibro come album delle vacanze, o per riunire le foto con il nostro migliore amico. Si può preparare un fotolibro anche inserendo gli screenshot migliori del nostro personaggio di World of Warcraft, o le scene finali di alcuni videogiochi che ci hanno particolarmente entusiasmato. In pratica si tratta di un valido strumento per mantenere vivi i nostri ricordi di momenti speciali della nostra vita. Il tema del fotolibro poi dipende dai nostri gusti personali, c’è chi ne prepara uno delle sue vacanze a Ibiza, chi invece lo riempie di screenshot delle uccisioni dei nemici più “ostici” di COD.

Quali immagini nel fotolibro
La scelta del tema del fotolibro è ovviamente il primo passo per capire quali immagini utilizzare. Ovviamente un fotolibro si produce quando un evento si è già realizzato: dovremo già avere a disposizione tutte le foto che vi vogliamo inserire. Quindi non è possibile preparare un fotolibro che si arricchirà via via, se lo si desidera creare si dovranno tenere per mesi le immagini selezionate all’interno di una cartella sul computer, per aggiungere periodicamente quelle che si scattano nel corso del tempo. Risulta quindi più facile preparare un fotolibro con gli screenshot del gioco che ci ha appassionato lo scorso anno, o della sessione di gioco in LAN con 10 amici appena terminata. Molto dipende anche dal materiale che abbiamo a disposizione: in alcuni casi conviene avere la consapevolezza di voler preparare un fotolibro di un dato evento, in modo da preparare un sufficiente numero di scatti o di screenshot.

Il software per il fotolibro
In genere le aziende che propongono la possibilità di dare vita ad un fotolibro offrono ai loro clienti anche diversi software per la preparazione del prodotto. Ad esempio Cewe non solo mette a disposizione un ottimo servizio di stampa digitale su qualsiasi supporto, compresi i fotolibri, ma anche dei software completamente gratuiti che consentono di modificare e migliorare le immagini da utilizzare. Inoltre il software disponibile sul sito aziendale permette di lavorare sugli sfondi delle singole pagine, di creare effetti particolari che rendano più accattivante la singola immagine e così via. Stiamo parlando di software di facile utilizzo, se ci fossero problemi Cewe mette a disposizione anche dei semplici tutorial, come ad esempio questo

che insegna a sfruttare lo strumento che consente di modificare gli sfondi. Riuscire a rendere più interessanti le immagini di un fotolibro ci permetterà di sfogliarlo più volentieri, ma anche di mostrarlo agli altri creando un vero interesse in ciò che stanno guardando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>