Lemonade Tycoon, su iPhone e iPod Touch a vendere limonate

di Gaetano Cutri Commenta


E’ stata una dolce scoperta della nuova era videoludica ed ha ammaliato ogni giocatore che aveva a disposizione un Nintendo DS per divertirsi ovunque si trovasse prima di fare il grande salto fino alla Wii grazie al clamoroso e probabilmente inaspettato successo che ha ottenuto. Le sue manine da gentil donzella non avevano mai toccato coltelli da cucina e le pentole non sapeva nemmeno come usarle, ma ora si può quasi definire una cuoca provetta.

Il suo nome, l’avrete capito è Mama, un’inesperta ma volenterosa ragazza che con il nostro aiuto è riuscita a seguire alla lettera alcune ricette e a preparare dei gustosi manicaretti tagliando e sminuzzando verdure, scegliendo il giusto tipo di carne e facendo attenzioni ai tipi di cottura e preparazione di ogni piatto. Questo successo ha ovviamente fatto nascere dei cloni e delle idee che si avvicinassero il più possibile alla gallina dalle uova d’oro.


Ma a seguire una ricetta non è stata soltanto Mama visto che già in passato infatti alcuni sviluppatori ebbero quest’idea brillante sfruttandola però maggiormente sul lato strategico e manageriale che sul lato completamente culinario, inventando comunque un gioco di cui ancora oggi si parla. Si tratta di Lemonade Tycoon un simpatico esperimento che ci mette nei panni di un venditore di limonate da strada.

Il nostro compito sarà chiaramente quello di preparare la ricetta migliore, ma in più dovremo fare attenzione a molti aspetti come la posizione del nostro banchetto, il prezzo di vendita della nostra dissetante bevanda e l’adattarsi a vari cambiamenti come nei giorni di pioggia e nelle asfissianti giornate di torrido sole. Una nuova versione del gioco uscirà per iPhone e iPod Tuch e sarà totalmente gratuito visto che il titolo stesso conterrà messaggi pubblicitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>