End of Eternity, disastri naturali da Sega e Tri-Ace

di Gaetano Cutri Commenta


Durante la nostra esistenza sono tante le cose che ci preoccupano e che ci fanno allarmare per la nostra incolumità e la nostra salute. A cominciare dalla criminalità organizzata, fino ad arrivare più ampiamente alle guerre e ai conflitti di vario tipo, fino ai tristemente attuali disastri naturali che infliggono tanti danni al nostro paese. Ma si sa, la fantasia va oltre ogni cosa e nel mondo dei videogiochi è importante usarla bene.

L’hanno sicuramente fanno i signori responsabili di Sega e della Tri-Ace che hanno in lavorazione un titolo che prende il nome catastrofico di End of Eternity. Il gioco ci pone in un momento molto difficile per il nostro pianeta visto che inspiegabilmente dei gas velenosi hanno iniziato a sprigionarsi dal sottosuolo portando letteralmente all’estinzione il genere umano che non si è abituato ai nuovi cambiamenti ambientali.


Solo pochi i fortunati sopravvissuti che iniziano una nuova vita ai piedi di Burzel, una sorta di torre purificatrice che riesce a tenere a bada i mefitici gas che infestano l’aria tutt’intorno. Verrà eretta quindi una sorta di torre per contenere gli abitanti del pianeta sottolineando moltissimi le differenze di ceto sociale ponendo gli uomini di potere ai piani alti e la cosiddetta plebe nei piani bassi creando delle forti differenze in un ambiente vitale del tutto nuovo.

I problemi arrivano quando Burzel inizia a non funzionare più come si deve mettendo in pericolo i pochi superstiti. End of Eternity sarà un gioco di ruolo di stampo fantascientifico che ci metterà nei panni di vari protagonisti scampati alla tragedia ma che intendono far qualcosa per regolare di nuovo Burzel, tra cui un giovanissimo ragazzo orfano di genitori ed ormai deluso ed insoddisfatto dalla vita. Attendiamo al più presto nuovi dettagli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>