Il buffo patapon in arrivo su PSP

di Gaetano Cutri Commenta

Di giochi originali nel corso della storia dei videogiochi ce ne sono stati tanti, ognuno presentava un nuovo modo di giocare attraverso colorati e buffi personaggi o proponendo generi che per assurdo nessuno aveva mai concepito prima e uno dei giochi più buffi e particolari sta per arrivare sulle nostre PSP, e di buffo ha anche il nome: Patapon.

Nel gioco noi impersoneremo addirittura una divinità, ma non pensate a quelli classici come Zeus ed Eros, perché avremo il controllo di una divinità di una sperduta tribù di buffe creature minacciate da oscuri nemici che somigliano a strani pezzetti di carbone con occhi e zampette, intenzionati a rubare il territorio alla nostra indifesa tribù e decurtare così il trono alla divinità.


Il genere di gioco si avvicina molto ai classici rhythm-game alla Dance Dance Revolution tanto per intenderci, ma il tutto trasposto in un buffo assetto da guerra che vede le due opposte tribù affrontarsi. Avremo quindi i classici comandi da battaglia quasi come in un gioco di ruolo, come l’attacco, la difesa o movimenti precisi da effettuare, ma per dare ordini alla nostra tribù dovremo premere con il giusto tempismo una serie di tasti seguendo il rumore del tam-tam che viene percosso nella giungla.

Prendendo il controllo della divinità e dando ordini alla nostra tribù ci accorgeremo che il gioco si trasforma in una sorta di strategico, visto che dovremo calibrare bene ogni nostra mossa e scegliere anche il tipo di guerriero giusto visto che, seguendo una sorta di regolamento militare, ogni esserino ha un ruolo ben preciso a seconda delle attitudini e le armi utilizzate: avremo quindi arcieri, spadaccini e cavalieri. Un gioco difficilmente catalogabile in un genere preciso ma che si prospetta appunto per questo motivo molto originale e divertente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>