Onechanbara Z, ragazze seminude e mostri anche su Xbox 360

di Gaetano Cutri Commenta


Aver a che fare con creature che sembrano uscite direttamente da un film del terrore o dalla bocca dell’inferno, nonchè essere circondati da orde di zombie più famelici che abbiate mai visto, sono sicuramente una pratica ormai molto comune all’interno del mondo del videogioco visto che il settore dei survival horror ormai pullula di moltissimi esponenti che hanno reso unico ed apprezzatissimo questo genere, pur altalenando spesso con la qualità offerta.

Dalle apparentemente placide e tranquille zone da esplorare in uno qualsiasi dei Silent Hill fino alla lista di fantasmi da fotografare in uno dei vari capitolo della gustosa saga di Project Zero alias Fatal Frame, ne abbiamo davvero per tutti i gusti, senza parlare del capostipite del regno dei survival horror che ci mette sempre a confronto con una serie di zombie affamati e spaventosi: Resident Evil. Ma se a tutto questo associassimo anche belle ragazze discinte?


I maschietti tra di voi sicuramente avranno già drizzato le antenne: stiamo parlando di una saga molto popolare in Giappone che ha avuto misteriosamente modo di arrivare fin qui da noi con alcuni episodi, ovviando ai problemi soliti di distribuzione che affliggono spesso titoli anche meno improbabili. Si tratta di Onechanbara, in realtà più un titolo d’azione che un vero survival horror, che ci permetterà di impersonare proprio delle belle donne.

Le due protagoniste sono infatti molto lontane dalle divise di una Claire Redfield o una Jill Valentine, affettando a più non posso mostri e non morti, anche con affilatissime motoseghe, ma indossando solo dei costumini a dir poco incredibili. Se non avete mai avuto modo di provare il gioco in versione Wii, voi utenti di una Xbox 360, ammesso che il gioco anche stavolta esca dai confini giapponesi, potrete avere Onechanbara Z dal prossimo anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>