Frank Gibeau di EA ha visto le nuove console Microsoft e Sony

di Davide Leoni Commenta

Frank Gibeau, boss della divisione EA Labes ha fatto sapere durante una intervista rilasciata alla Gamescom di aver avuto modo di vedere le nuove console di Sony e Microsoft. Ovviamente Gibeau non può rivelare nulla riguardo le piattaforme next-gen, l’unica cosa che può dire è che Electronic Arts sarà presente e supporterà le nuove console fin dal lancio.

Electronic Arts ha deciso di investire ben 80 milioni di dollari nello sviluppo di giochi per console next-gen (tra queste è compresa anche Wii U, ovviamente), segno che il publisher vuole puntare fortemente sulle macchine di nuova generazione. Lo stesso Gibeau ci fa sapere inoltre che la sua etichetta vuole espandersi nel settore dei giochi free to play, da qui la scelta di rendere Command & Conquer Generals 2 di BioWare un titolo freemium.

Riguardo i giochi F2P Electronic Arts ha un parere ben chiaro, secondo i massimi esponenti della compagnia (tra i quali spicca anche Peter Moore) questo modello di distribuzione prenderà sempre più piede e diventerà dominante entro la fine del decennio. Effettivamente sono sempre di più gli studi che optano per questa formula, anche UbiSoft ha dichiarato di voler investire molto in questo “nuovo” business, il lancio di Ghost Recon Online e Silent Hunter Online ne è la prova, inoltre la casa francese sta già sviluppando giochi free to play per Wii U.

Adesso non ci resta altro da fare che aspettare per vedere come si evolverà il futuro, a Natale Wii U aprirà le danze per a nuova generazione di console e nel 2013 dovrebbe toccare proprio a Sony e Microsoft, a quanto pare ormai manca poco per la next-gen, del resto le piattaforme attuali sono in circolazione ormai da ben sette anni, quasi un record per l’industria dei videogiochi, dove il ricambio generazionale era generalmente fissato in 4/5 anni. Le regole sono cambiate, PlayStation 3 ed Xbox 360 non mostrano segni di crisi, ma il passaggio alla next-gen sarà inevitabile nel giro di due anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>