Battaglie campali in “Lord of the Rings: Conquest”

di Gaetano Cutri Commenta

signoreanelli1.jpg

Il grande successo del capolavoro cinematografico suddiviso in 3 capitoli lunghi ma appassionanti di Peter Jackson dedicato alla saga famosissima di Tolkien de “Il signore degli anelli”, ha dato vita a numerosi titoli realizzati per ogni console esistente, da quelle casalinghe fino a quelle portatili, mettendoci di volta in volta nei panni dei vari personaggi che caratterizzano la storia fantasy del libro e dei film.

Tra i tanti giochi dedicati a “Il signore degli anelli” possiamo annoverare giochi di ruolo di stampo classico o più dedicati all’azione, dei giochi d’avventura con elementi da action game, ma mai si sono viste battaglie campali esattamente nello stile visto ed ammirato nei film visto che sembrava quasi impossibile realizzare una lotta tra eserciti veri e propri composti da centinaia di personaggi di chiaro stampo fantastico.


signoreanelli2.jpg

Ma a correre in aiuto a chi sentiva il bisogno di poter lottare contro una vera e propria armata di avversari e di poterli sconfiggere con il proprio esercito di hobbit, troll, nani, elfi, orchi e così via, arriva un nuovo gioco intitolato Lord of the Rings: Conquest che, come caratteristica principale, presenta proprio la possibilità di dar vita a vere e proprie lotte che riusciranno a supportare fino a 150 elementi.

Per chi ha dimestichezza con il gioco, questa nuova incarnazione de “Il signore degli anelli” può essere paragonata ad uno Star Wars: Battlefront ovviamente realizzato con i personaggi del libro fantasy di culto. Sarà disponibile chiaramente una modalità multiplayer per condividere con un amico o una sfidante la gioia di guidare una vera armata battagliera e aspettiamo ora notizie più dettagliate per questo gioco evento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>