Gunstringer, conosciamo meglio il protagonista in un video

di Gaetano Cutri Commenta


Avete presente il protagonista della saga di Toy Story? E’ decisamente simpatico il cowboy che in qualche modo rappresenta il giocattolo vecchio, quello che i bambini non amano più a favore delle novità che ci sono sul mercato, dalla console per videogiochi fino ad un semplice astronauta con tanto di tuta avveniristica come Buzz Lightyear. Triste destino insomma quello di Woody, un personaggio che in qualche modo avrebbe potuto meditare vendetta.

L’edulcorazione e la simpatia del cartone animato non hanno permesso ciò, ma nel mondo dei videogiochi quasi tutto è possibile ed ecco quindi arrivare una sorta di Woody più cattivo, ma soprattutto più morto, che non solo medita vendetta, ma fa in modo di attuarla nei confronti dei suoi sicari. E’ questa la storia in linea di massima di Gunstringer, un gioco che vi abbiamo già presentato tempo fa e che è finalmente stato reso disponibile da qualche giorno.


Nei panni di uno sceriffo ormai scheletrico, il gioco ci presenta una struttura che varia ampiamente dal classico platform in 2D che strizza l’occhio ai capolavori di una volta, come i classici Sonic e Mario tanto per intenderci, arrivando però anche ad un più moderno ed articolato 3D nelle scene in cui l’azione si modifica trasformando Gunstringer in un vero e proprio sparatutto con tanto di mirino ben presente sullo schermo per indirizzare i nostri colpi.

Sarà molto divertente giocarci anche perché utilizzerà pienamente il sistema Kinect dando libero sfogo al giocatore che avrà le mani libere da qualunque controller. Per capire però meglio a cosa andremo incontro facendo nostro il gioco, potrete vedere un recente video di Gunstringer che ci mostra la differenza tra il gioco in 2D e il 3D e soprattutto ci permette di fare la conoscenza con il simpatico protagonista che ci accompagnerà per tutta l’avventura. Buona visione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>