Escape Plan, come morire in modo buffo in un videogame

di Gaetano Cutri 1


In quanti modi diversi avete perso una vita in uno dei vostri giochi preferiti? Ormai non si contano davvero più le possibilità offerte dai nostri gioiellini videoludici e non è più possibile nemmeno numerare in modo esatto le cause della nostra morte su console in uno dei tanti titoli che abbiamo a casa. Vi sarà capitato insomma di finire fuori strada mentre provavamo a gareggiare su un circuito, ma un’auto nemica non ha avuto scrupoli a sbatterci fuori carreggiata.

Oppure vi sarà capitato di essere pestati da una gang rivale in un qualsiasi titolo d’azione politicamente scorretto fino a perdere i sensi o ancora sareste sicuramente stati mazzolati per bene da un unico avversario in un turbolento incontro in un picchiaduro furioso ma divertentissimo. Le possibilità insomma sono davvero numerose, ma probabilmente tra quelle più divertenti, mancheranno all’appello quelle disponibili invece in Escape Plan.


Se vi state chiedendo cosa mai sia questo titolo, vi diciamo subito che si tratta di un nuovo esperimento che prenderà vita prossimamente su Playstation Vita e che sicuramente si farà notare per un suo stile molto particolare, per una vena ironica puramente dark e per tutta una quantità di modi assurdi di morire, quasi come accade nel recente Limbo, il gioco in cui nei panni di un ragazzino ombra, dobbiamo addentrarci in pericolose ed oscure ambientazioni.

Le animazioni del personaggio principale sono semplicemente splendide e non sarà assurdo vederci spiattellati su una parete da una botola semovente sul pavimento, o ancora di esplodere fulminati da una scarica elettrica che sembra uscita dal laboratorio di uno scienziato pazzo oppure tranciati da alcune pale girevoli a velocità vorticosa. Per avere un assaggio di questa piccola delizia che avremo tra le nostre mani soltanto nel 2012, vi consigliamo di dare un’occhiata al video che trovate qui sotto.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>