Gears Of War Judgment: il giorno del giudizio

di Davide Leoni 3

Dopo il finale con il botto della prima trilogia, terminata con Gears Of War 3, Epic riparte con un prequel sviluppato da People Can Fly (autori di Bulletstorm e Painkiller). Gears Of War Judgmen narra le avventure di Baird e della sua Squadra Kilo, abbandonando (solo temporaneamente?) le vicende di Marcus e della Squadra Delta. Scopriamo insieme se si tratta di una scelta vincente oppure no.

Grafica e sonoro

Gears Of War Judgment spreme al massimo l’ormai stremato Unreal Engine mostrando la grafica più massiccia che si sia mai vista su Xbox 360 fino a questo momento.

I ragazzi di People Can Fly hanno fatto veramente un buon lavoro con l’Unreal Engine, la grafica è incredibilmente curata e non ci sono mai rallentamenti neanche nelle situazioni più concitate, degni di nota in particolare gli effetti di luce, semplicemente strepitosi, in alcune missioni faticherete a giocare, talmente sarete accecati dalla luce del sole e dai riflessi.

Altrettanto buono il design dei personaggi, dei nemici e delle ambientazioni, pur essendo un prequel lo stile di Gears Of War è ben riconoscibile e gli elementi che hanno reso popolarissima la saga sono ovviamente tutti presenti, a cominciare dai personaggi tutto muscoli e poco cervello per finire con le ambientazioni desolate in decadenza.

Lodevole anche il comparto audio, le musiche aggressive e gli effetti aiutano il giocatore a calarsi nell’atmosfera di Judgment, così come il doppiaggio, perfetto e con voci adattissime ai vari personaggi, come da tradizione per la serie. Nota – la versione da noi testata è completamente in lingua inglese, quella in vendita nei negozi sarà invece in italiano.

Gears Of War Judgment spinge Xbox 360 ai suoi limiti, difficile pretendere di più (a livello tecnico) da una console uscita otto anni fa, giocando a Judgment si ha la sensazione che non ci sia poi così tanto bisogno di console next-gen.

Giocabilità e longevità

Come saprete, Judgment è un prequel di Gears Of War, la trama è incentrata sulla Squadra Kilo guidata da Damon Baird, la storia è ambientata circa quindici anni prima dei fatti narrati nel primo Gears. Senza voler fare spoiler sulla trama (non sarebbe corretto nei vostri confronti) mi limito a dirvi che le sorprese e i colpi di scena non mancheranno in Judgment. Questo nuovo episodio si pone come un ottimo punto di partenza e getta le basi per una seconda trilogia destinata a continuare sulla nuova Xbox.

Il gioco presenta una campagna non lunghissima ma decisamente avvincente, in un paio di pomeriggi arriverete alla fine stremati e soddisfatti con un bagaglio di emozioni notevole. Il gameplay e le meccaniche di gioco sono ora più dinamiche e vivaci e l’IA dei nemici è stata leggermente migliorata rispetto al passato, non ci troveremo davanti a branchi di sciammanti che si muovono senza logica, bensì di fronte a nemici organizzati e astuti.

Le varie missioni si snodano lungo varie ambientazioni, dalla classica fabbrica abbandonata fino alla città distrutta e abbandonata, location tipiche della serie e che ben si sposano con le meccaniche di gioco. Rispetto al passato, come detto, troviamo un gameplay più fluido e meno legnoso, anche se restano intatte le caratteristiche tipiche di GOW, quindi state tranquilli, è ancora possibile sviscerare i nemici con il Lancer a motosega.

Il giudizio sulla campagna è estremamente positivo, peccato per l’eccessiva brevità, per portare a termine la storia a difficoltà normale bastano 8/9 ore, ancora meno se decidete di giocare con il livello di difficoltà impostato su facile/casual, cosa che vi sconsiglio di fare visto che in questo caso tutto è fin troppo semplice e “guidato”.

A mitigare i (pochi) difetti della campagna single player ci pensa il multiplayer, Gears Of War Judgment presenta il multiplayer cooperativo (fino ad un massimo di quattro giocatori) e competitivo, con quattro diverse modalità: Team Deathmatch, Domination, Free-For-All e OverRun, queste ultime due completamente nuove.

Al multiplayer dedicheremo una mini recensione a parte nei prossimi giorni, preferiamo prenderci del tempo per giudicare al meglio questa importante componente del gioco. Epic ha già pianificato il rilascio di alcuni contenuti aggiuntivi come nuove mappe e modalità presto in arrivo, ma ne riparleremo a tempo debito, non abbiate paura.

1 2Successivo

Commenti (3)

  1. Non vedo l’ora che arrivi venerdi’, questa recensione mi ha fatto salire l’hype a mille ragazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>