XomB, trucidiamo zombie nell’Asia feudale

di Gaetano Cutri Commenta


Se diamo un’occhiata al vastissimo repertorio dell’horror, inteso sia come elemento tratto dalla variegata sezione narrativa, sia dalla poderosa filmografia mondiale sia dal lato semplicemente immaginario, ci accorgeremo di quante tipologie particolari di mostri infestano i nostri incubi più segreti e si divertono a metterci paura quando ci ritroviamo a casa da soli o quando all’improvviso va via la luce ed iniziamo a sentire rumori sospetti.

Dai succhiasangue dai canini affilati fino ai pelosi ed ululanti uomini lupo, fino alle creature dalle sembianze umane ma dalle movenze robotiche create in laboratorio come il buon vecchio Frankenstein insegna. Per non parlare delle sexy donne vampiro o dei fantasmi che vagano nei manieri dal sapore antico facendo rumore con le catene. Il mondo dei videogiochi ha trattato tutto questo, ma si è focalizzato su un mostro ben preciso.


Più che un mostro si tratta di una creatura che effettivamente fa paura, ma incute anche un certo ribrezzo che invece non suscitano altre categorie ben più eleganti di soggetti spaventosi. Stiamo parlando chiaramente degli zombie, quegli esseri appartenenti alla famiglia dei non morti che spessissimo ci siamo ritrovati come nemici in alcuni videogiochi, primi fra tutti, i fortunati capitoli dell’affascinante saga di Resident Evil.

Ma Chris e Sheva non saranno gli unici a doversi occupare ancora di zombie visto che la casa di sviluppo 3G Studios ha in cantiere un titolo chiamato XomB, che si pronuncia proprio “zombie”, che avrà come antagonisti proprio delle orde di zombie, ma stavolta il tutto sarà ambientato in un contesto simile all’Asia feudale, di certo un terreno poco trattato da altri videogiochi. Non si conoscono altre informazioni, ma speriamo di poterne sapere di più quanto prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>