The Ripper, Jack lo Squartatore arriva su console

di Gaetano Cutri 1


Immaginate la fumosa Londra di fine Ottocento, uno squarcio nel passato per un posto affascinante e misterioso, un’incantevole viaggio nel mondo dell’antico dove un personaggio inquietante e pericoloso agiva indisturbato nei vicoli del quartiere Whitechapel. Insomma, un periodo storico ricco di avvenimenti ma turbato dalla presenza di un omicida patentato, un uomo assetato di sangue che si diede ampiamente da fare in quegli anni.

Si tratta dello spaventoso personaggio chiamato Jack lo Squartatore, nome che venne fuori da una lettera giunta alla Central News Agency rivendicando gli omicidi svolti, un killer professionista che si divertiva a sgozzare e torturare le sue vittime, sempre scelte nel campo della prostituzione, rendendo davvero difficile non aver paura mentre si era costretti ad uscire in strada nelle ore tarde della notte, spaventandosi ad ogni fruscio o sussurro.


Terribili le gesta di Jack lo Squartatore ovviamente, ma allo stesso tempo, complice uno scenario che sembra uscito direttamente dalla geniale sceneggiatura di un capolavoro di Tim Burton, l’atmosfera che regnava nel periodo in cui operò questo efferato serial killer risulta affascinante e particolarmente interessante, tanto che ne fu realizzato anche un gustoso film e la letteratura ha pescato a piene mani da eventi come quello.

Ora però anche il mondo delle console darà lustro ad un terribile personaggio del passato dell’Europa, creando The Ripper, un gioco che verrà tutto dedicato proprio alla figura di Jack lo Squartatore. Gli sviluppatori della EA sono gli stessi che si sono occupati dei progetti di Dante’s Inferno e di Dead Space e pare che il nuovo gioco verrà distribuito come download su Playstation Network e Xbox Live. Speriamo di avere presto nuovi dettagli.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>