Curiosità: si rivolge a Bill Gates per aggiustare la sua Xbox 360

di Edoardo Gioe Commenta

Ahia. L’anello rosso della morte è una brutta cosa. Una GRAN brutta cosa. Jon, lettore di the consumerist, sito dedicato alla difesa dei consumatori americani si è davvero arrabbiato quando la sua Xbox 360 si è rotta. Per la seconda volta.

Jon è un possessore di una delle primissime console Xbox 360 vendute nel mondo. A suo dire si è prodigato talmente tanto per ottenerne una al suo lancio che ha pagato una cifra di molto maggiore al prezzo consigliato al pubblico. E’ forse anche per questo che si è sentito “tradito” dalla fiducia che aveva riposto nelle mani di Microsoft quando ha comprato la sua Xbox 360. La console ha avuto problemi fin dai primissimi usi, e quando ha provato a contattare l’assistenza si è ritrovato ad attendere settimane intere per la valutazione della sua richiesta.

Così quando la console che gli avevano riparato si è rotta di nuovo Jon ha deciso di rivolgersi a Bill Gates per aggiustare la sua Xbox 360. Una volta contattato zio Bill tramite email, la sua richiesta è stata vagliata nel giro di 24 ore, e pochissimi giorni dopo è arrivata a casa sua una nuova e fiammante Xbox 360.


Sono stato uno dei primi ad acquistare una Xbox 360 quando sono uscite, pagando molto più di quanto avrei dovuto. Ho avuto problemi con la console fin dal primo utilizzo e dopo settimane di lotte con il dipartimento d’assistenza tecnica sono finalmente stato contattato dal dipartimento che si occupa dei problemi gravi. Entro una settimana, i miei problemi sono stati risolti e mi hanno inviato la console aggiustata, con qualche gioco e joystick in omaggio. Due anni dopo, ho avuto di nuovo lo stesso problema. Ho inviato una mail sia a Bill Gates che a Kathleen Hogan (Corporate Vice President, Worldwide Customer Service, Support and Customer and Partner Experience) ieri”.

“Sono stato contattato entro ventiquattro ore e mi stanno inviando una nuova console”.

“Facendo un po’ di ricerche sono riuscito a trovare gli indirizzi email di entrambi e ora li metto a disposizione dei vostri fedeli lettori. Il link che sto includendo vi fornirà inoltre i nomi e i titoli di tutta l’azienda”.

khoganCHIOCCIOLAmicrosoft.com
billgCHIOCCIOLAmicrosoft.com

Certo, di storie del terrore sui centri assistenza Microsoft se ne sentono parecchie. Tuttavia a quanto pare basta un po’ della giusta insistenza per risolvere i propri problemi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>