Cappuccetto Rosso, una versione dark in arrivo su console

di Gaetano Cutri Commenta


Il mondo del cinema è in questo periodo piacevolmente sconvolto da un creativo ciclone che prende il nome di Tim Burton, un acclamato regista a cui dobbiamo dei titoli tra i più riusciti degli ultimi anni, dall’oscuro ma commovente Edward Mani di Forbice fino all’omaggio ai film splatter di Sweeney Todd, il malefico barbiere interpretato come sempre dal suo prediletto attore Johnny Depp, presenza costante di molte sue pellicole.

Il nuovo capolavoro presenti già nei cinema italiani è Alice in Wonderland, particolare rivisitazione della storica favola con il bianconiglio e tutta la banda di strambi personaggi che la bionda protagonista finisce per incontrare, il tutto condito dalle atmosfere dark tanto care a Tim Burton. Una versione altrettanto oscura era però già stata proposta da un videogame uscito un bel po’ di tempo fa intitolato American McGee’s Alice.


Il gioco ci metteva nei panni di una diabolica Alice che non aveva tutta l’aria da brava bambina, tingendo di sangue buona parte delle tenebrose ambientazioni. Un mix di elementi molto ben riuscito che dettò anche un particolare stile, sradicando la vera natura della zuccherosa favola portata alla ribalta anche dal noto film a cartoni animati di Walt Disney. Lo stesso ideatore della folle Alice pare sia al lavoro su un nuovo progetto che riguarda un altro dolce personaggio.

Dopo l’inseguitrice del coniglio bianco infatti, la prossima a subire una temibile trasformazione, da bella e brava bambina obbediente a feroce assassina dei boschi, sarà addirittura Cappuccetto Rosso. L’idea pare covasse già da un bel po’, ma in attesa del secondo capitolo di avventure di Alice e del successo ottenuto con il primo gioco, non sarebbe male l’idea di convertire anche la bambina che attraversa il bosco per far visita alla nonna in uno spietato personaggio. Attendiamo sviluppi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>