Ninja Gaiden, la trilogia per Nintendo NES

di Davide Leoni Commenta

Contrariamente a quello che molti pensano, la serie di Ninja Gaiden (recentemente è stato annunciato il terzo episodio) non nasce su Xbox, ma in sala giochi.

Il ninja Ryu Hayabusa trova fortuna sul piccolo Nintendo NES. Per la console usciranno ben tre giochi, tra i più acclamati e venduti nella storia della console 8 bit. Andiamo a scoprire tutto sui tre titoli della saga.

Il primo Ninja Gaiden (Ninja Ryūkenden, in Giappone) esce nel 1988 (l’anno dopo in America, alla fine del 1991 in Europa) ed è un platform/action di alta caratura. Il gameplay è simile a quello di molti altri titoli dell’epoca, come Castlevania, Contra o Batman. Il nostro eroe deve superare ben 20 livelli, divisi in sei capitoli, per ritrovare la fidanzata e salvare il mondo dalle grinfie di uno stregone malvagio. Ninja Gaiden viene ricordato anche per la sua estrema difficoltà, un gioco che non permette errori. Il titolo riscuote un enorme successo specialmente negli Stati Uniti ed è considerato uno dei 10 migiori giochi per NES.

Nel 1990 esce Ninja Gaiden II The Dark Sword of Chaos (in Giappone è conosciuto come Ninja Ryukenden II Ankoku no Jashinken), che arriverò in Europa solo nel 1994, quando il NES aveva ormai abdicato in favore di console più potenti. Il gioco migliora le qualità del suo predecessore, il gameplay subisce alcune modifiche e il ninja Ryu può contare ora su nuove abilità, come la capacità di sdoppiarsi per confondere i nemici. Il livello di difficoltà è sempre alto, nonostante questo il gioco vende piuttosto bene, anche se viene considerato inferiore rispetto al primo capitolo.

Un anno dopo (nel 91) arriva sul mercato Ninja Gaiden III The Ancient Ship of Doom (titolo giapponese: Ninja Ryūkenden III Yomi no Hakobune), unico della trilogia a non arrivare in Europa. Nuovi livelli, nuovi poteri, grafica tecnicamente ottima, nonostante questo il gioco è il meno famoso della serie e non riscuote il successo dei suoi predecessori. Con il senno di poi, sarebbe stato meglio far uscire il gioco su Super Nintendo, anzichè su NES, che nel 91 aveva perso gran parte della sua popolarità.

Qui la serie si ferma, nel 1995 esce una raccolta dei primi tre episodi per SNES, poi bisognerà aspettare il 2004 per rivedere nuovamente Ryu Hayabusa in azione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>