Katamari Damacy, il suo ideatore alle prese con un nuovo rhythm game?

di Gaetano Cutri Commenta


Nel vastissimo mondo dei videogames, di titoli strani ce ne sono veramente tanti ormai. Molti purtroppo non sono mai riusciti a varcare i confini strettissimi del Giappone, patria in cui la maggior parte di queste follie vede la luce, proprio per il motivo che in altri posti del mondo non avrebbero avuto la stessa accoglienza, privandoci quindi di un divertimento ancora per noi totalmente inedito. Ma per fortuna le eccezioni ci sono.

Chi ricorda infatti quel buffo personaggio proveniente da un altro pianeta e mandato dal padre sulla Terra per ricreare l’universo con i suoi pianeti e le sue costellazioni in un modo decisamente originale? Il titolo in questione è Katamari Damacy, un vero e proprio schizzo di pazzia che vide la luce su Playstation 2 diversi annetti fa e che, con una struttura di gioco realmente originale, ci permetteva di agglomerare su una palla qualsiasi cosa fosse permesso.


Da piccoli oggetti fino a piccoli animali, arrivando ad agglomerare anche persone o addirittura palazzi e grattacieli, fino a ricreare una dimensione adatta allo scopo. Quella follia la portiamo ancora tra i ricordi più piacevoli della collezione di titoli per la fortunata Playstation 2, ma a quanto pare, come vi abbiamo già annunciato un po’ di tempo fa, il suo creatore ha deciso di fare dei cambiamenti abbandonando la sua relazione con la Namco.

Keita Takahashi ha infatti salutato la sua collaborazione più fruttuosa per creare nuovi progetti, insieme alla moglie, con una nuova etichetta, la Uvula. Tra i suoi obiettivi, c’è del lavoro con la musica, visto che la moglie è un’acclamata musicista, e con i videogiochi, settore che non potrebbe mai abbandonare. Che nel prossimo futuro dell’autore di Katamari Damacy potrebbe quindi esserci una sorta di nuovo, assurdo, rhythm game capace di far crollare i miti attuali?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>