Perchè Resident Evil 5 è ambientato in Africa?

di Gaetano Cutri 2

I fan dei survival horror sono sicuramente in fremente attesa per il gioco che finalmente è stato annunciato e che arriverà presto sugli scaffali dei negozi pronti ad essere depredati non da orde di zombie famelici ma da qualcosa di molto simile: gruppi di fan della saga della Capcom che ha fatto da apripista alla nuova scuola di un genere che ha radici molto lontane ma che solo negli ultimi anni è tornato fortemente in voga.

Sicuramente tutti voi avrete capito che mi sto riferendo al quinto capitolo della serie di Resident Evil che, grazie ai precedenti effettivi capitoli della saga e ai vari spin off e rivisitazioni disseminati un po’ su tutte le console, è considerato come il survival horror per eccellenza ed è osannato dagli appassionati come uno dei migliori del suo genere in grado di creare uno stato di tensione senza pari.


Come vi abbiamo già annunciato nei precedenti articoli che abbiamo dedicato a Resident Evil 5, sicuramente saprete che la serie si è spostata in Africa visto che Chris Redfield, uno dei protagonisti simbolo della serie dovrà fronteggiare la nuova storia andando nella terra del Virus Progenitore, ovvero il responsabile dell’epidemia di “zombite” che ha colpito tutti i nemici con cui abbiamo avuto a che fare nei precedenti giochi.

In una recente intervista, il produttore del gioco Jun Takeuchi ha chiaramente detto che sono stati obbligati ad ambientare Resident Evil 5 in Africa perché in Code Veronica è stato detto che l’origine del virus aveva radici africane, ma ciò è un ottimo modo di rinfrescare la serie in uno scenario inedito. In più pare che Chris non faccia più parte della S.T.A.R.S ma di una nuova organizzazione di cui ha simboli sull’uniforme. Non vediamo l’ora di scoprire quale.

Commenti (2)

  1. Non si capisce dove sia ambientato sto gioco… Una volta dicono in Africa l’altra ad Haiti (E avrebbe molto più senso…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>