Giochi della memoria: Moonwalker

di Gaetano Cutri 4

Oggi non ci stupiamo più di tanto se tra gli scaffali dei nostri negozi di videogiochi di fiducia vediamo spuntare un nuovo titolo dedicato ad un personaggio famoso. Accade ormai da tempo per gli sportivi più famosi, da Tony Hawk a Jeff Palmer, ma un po’ meno accade per i divi della musica anche se ormai iniziano ad intravedersi delle speciali versioni di rhythm game tutti dedicati ad un singolo artista o ad una band.

Ai tempi del glorioso Sega Mega Drive invece, ci fu un vero e proprio titolo di culto che nacque dal successo planetario di un vero mito della musica mondiale ovvero Michael Jackson che con il suo video musicale di Moonwalker catalizzò l’interesse mondiale fino a diventare addirittura un videogioco che venne trasposto in versioni differenti per il già citato Sega Mega Drive ma anche in un’edizione da sala giochi.


Ovviamente nel gioco vestivamo i panni di Michael Jackson in persona e dovevamo salvare dei bambini nascosti nei vari livelli di gioco cercando nel frattempo di eliminare i nemici utilizzando le varie pose tipiche del grande artista americano. Le ambientazioni di gioco erano varie: si andava dal classico bar nei primi livelli fino ad un lugubre cimitero con tanto di temibili zombie pronti a pasteggiare con il nostro alter ego virtuale.

Il tutto era ovviamente condito con delle versioni sintetizzate delle canzoni più celebri di quel periodo del celebre cantante e memorabile era l’attacco speciale in cui Michael costringeva tutti i nemici presenti sullo schermo ad effettuare i suoi stessi passi di danza per poi svanire nel nulla come sopraffatti dalla musica. Un gioco decisamente originale che rappresenta un tributo anche del mondo dei videogiochi ad una star musicale unica ed indimenticabile.

Commenti (4)

  1. ciao vorrei iscrivrermi a moonwalker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>