Recensione: Off Road

di Gaetano Cutri 1

Chi l’ha detto che la Playstation 2 non ha niente più da offrire? Se sono in cantiere diversi titoli che riporteranno di nuovo alto il nome della console nera di casa Sony, alcuni hanno già visto la luce e non hanno nulla da invidiare alle controparti per le console della successiva generazione. Uno di questi uscito lo scorso 28 marzo è Off Road disponibile al momento per Playstation 2, PC e in versione portatile per PSP, a cui andrà ad aggiungersi nel mese di giugno un’attesissima versione Wii. La versione da noi provata, come dicevamo prima è per Playstation 2 e possiamo affermare che si tratta di un gioco che di sicuro potrà appassionare moltissimo chi è fortemente interessato al genere automobilistico ma è stanco delle solite simulazioni che aggiungono poco allo stile di gioco ormai abbastanza inflazionato da titoli del genere tutti simili tra loro.

La particolarità di questo titolo è la licenza di Ford e Land Rover di cui può fregiarsi che ha permesso agli sviluppatori della Empire Interactive di introdurre come veicoli disponibili una serie di vetture appartenenti alle due grandi case automobilistiche pescando a piene mani dal comparto SUV fino ad arrivare a fuoristrada e camion mai visti in un gioco di questo tipo, aggiungendo quindi un elemento che pone Off Road in una posizione dominante rispetto ai titoli simili disponibili sul mercato.


GRAFICA

La grafica si presenta ottima sotto quasi ogni punto di vista. La parte principale rappresentata dai veicoli selezionabili è sotto quest’aspetto particolarmente curata visto che i modelli che ci divertiremo a guidare sono la controparte virtuale tecnicamente perfetta di modelli realmente esistenti, differenziandoli tra loro da alcune caratteristiche che vanno dalla tenuta di strada alla velocità all’accelerazione. Altro elemento importante del gioco è composto dagli scenari di guida, infatti ci saranno ben 3 macro-ambientazioni che a loro volta saranno suddivise in vari sotto scenari che svilupperanno percorsi unici.

Andremo quindi a visitare prima di tutto un territorio desertico che graficamente offre poco se non sterpaglie e terra bruciata, sfrecciando attraverso blocchi di pietra e sassi sulle strade dissestate tipiche di questo tipo di territorio. A seguire cambieremo totalmente ambientazione passando dal caldo desertico al freddo gelido di percorsi artici caratterizzati da caverne di ghiaccio, terre ricoperte da lastre trasparenti bellissime agli occhi ma particolarmente scivolose e difficili da superare. Infine avremo una rigogliosa ambientazione boschiva caratterizzata da alberi, piante, letti di fiumi ormai prosciugati e panorami al limite del bucolico. Insomma una vasta schiera di percorsi su cui guidare i nostri veicoli tutti caratterizzati da un ottimo dettaglio grafico.

VOTO: 8/10

GAMEPLAY

Off Road offre uno stile di gioco che si avvicina maggiormente all’arcade piuttosto che a quello di stampo realistico. Non avremo quindi particolari difficoltà affrontando curve particolarmente strette e non perderemo così facilmente il controllo del nostro veicolo se una duna ci obbliga a fare un salto improvviso. Ciò nonostante dovremo fare comunque attenzione al nostro stile di guida visto che una derapata fatta molto alla leggera potrà provocare comunque un testa-coda che ci porrà tristemente dietro le vetture che avevamo magari in precedenza brillantemente superato.

Le modalità che il gioco offre sono di vario tipo offrendo varie possibilità di divertirsi, sia singolarmente che con un amico in modalità multiplayer. Per quanto riguarda le modalità per giocatore singolo potremo scegliere di addentrarci subito tra i percorsi tortuosi che caratterizzano il gioco scegliendo l’opzione “gara veloce” in cui avremo semplicemente lo scopo di arrivare primi nel percorso che ci troviamo davanti. Se invece vogliamo provare il vero sapore di Off Road dovremo selezionare la modalità carriera che, dopo aver acquistato il nostro primo veicolo, ci metterà alla prova con una serie di missioni che si differenzieranno tra di loro a seconda dell’obiettivo da portare a termine e saranno via via più complicate da superare.

Se la prima gara ci obbligherà semplicemente ad arrivare primi, quelle che sbloccheremo successivamente richiederanno il recupero di alcuni manufatti da cercare sul percorso, oppure una sfida ad eliminazione che boccerà di minuto in minuto l’ultima auto sul tracciato fino ad arrivare al veicolo in testa, oppure ancora ci capiterà di dover non solo arrivare primi, ma arrivarci con il nostro veicolo danneggiato nei limiti richiesti, tenendo sotto controllo la barra apposita che troviamo accanto al contachilometri. In multiplayer invece possiamo sfidare un amico in split screen e altri 4 veicoli guidati dal computer in due tipi principali di competizione: la “spedizione” premia chi raccoglie il maggior numero di manufatti durante il percorso, mentre la modalità “controllo danni” come suggerisce il titolo farà salire sul podio chi completa il tracciato con i danni minori.

VOTO: 6.5/10

SONORO

Il sonoro è probabilmente la parte del gioco meno riuscita. Quando si guida spesso si ha l’esigenza di ascoltare musica o di avere un sottofondo musicale particolare che ci accompagni durante il percorso. Capiamo che in una sfida fuori strada non è il caso di ascoltare Bach, Mozart o ancora rock estremo per tenere l’adrenalina maggiormente a livelli alti, ma Off Road non soddisfa particolarmente sotto questo punto di vista.

In particolar modo gli effetti sonori, in primis quello dei motori dei veicoli, non sono all’altezza di quelli degli altri giochi. Ci stupisce il fatto che una licenza come quella di cui può fregiarsi questo titolo non sia stata sfruttata a dovere anche sotto questo aspetto visto che il rombo dei motori dei vari mezzi non è fastidioso ma non crediamo si avvicini in modo preciso alla controparte reali dei mezzi Ford o Land Rover.

VOTO: 5.5/10

CONCLUSIONI

Il gioco sulla carta sembra quasi perfetto: una licenza con Ford e con Land Rover per l’utilizzo di modelli reali dei veicoli delle due gloriose case automobilistiche, tracciati interessanti costellati da strade alternative che permettono un livello di sfida maggiore, una serie di competizioni e missioni che permettono un divertimento vario e duraturo ed anche una modalità per condividere il gioco con un amico in multiplayer.

Ma cos’è che non fa decollare questo gioco? Probabilmente il sistema di collisione con gli ostacoli e con i “bordi invisibili” del percorso poteva essere strutturato meglio visto che spesso alcuni sassi sui tracciati desertici esistono solo visivamente e non infliggono danni o problemi alla guida dei veicoli, e questo da un po’ l’idea di gioco low-budget. Effettivamente il prezzo di vendita di soli 29.99 € non per niente alto per avere 18 veicoli virtuali ma realmente esistenti e ben 12 diversi tipi di gara da affrontare sui numerosi percorsi di gioco, ma lo stile è quello di un gioco che non si avvicina ai capisaldi del genere pur offrendo un’impronta originale utilizzando tracciati non convenzionali e mezzi inusuali per un tipo di competizione come questo.

VOTO FINALE: 7/10

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>