Dofus, svelato l’arcipelago di Vulkania come nuovo territorio esplorabile

di Gaetano Cutri 4


L’estate è letteralmente scoppiata, e con lei è venuta anche la voglia di partire ed abbandonare la grigia città, con il suo elevatissimo calore e la sua umidità pazzesca che enfatizza la tipica afa estiva, per avere come meta un posto incantevole in cui immergersi. Un piccolo paradiso terrestre creato su misura per il classico immaginario collettivo sarebbe il posto ideale per riposare corpo e mente, sopraffare il caldo e godersi un po’ di meritato riposo.

A quanto pare anche il mondo dei videogiochi vuole godersi un po’ di relax ed un titolo in particolare ha ben pensato, già agli inizi di questo caldissimo mese, di regalare l’opportunità ai numerosi giocatori che bazzicano nelle sue location tipiche, di aprire un nuovo territorio che si ispira in qualche modo proprio al clima vacanziero, ma non senza qualche irto pericolo a cui far fronte. Dopo il salto scoprirete molto di più sulla nuova chicca di Dofus.


Il meraviglioso MMORPG della Ankama Games non smette mai di rinnovarsi e di stupire i numerosi giocatori che riescono sempre a divertirsi attraverso le simpatiche opportunità offerte dal gioco. Già dallo scorso 5 luglio, per qualunque giocatore, con personaggi a qualunque livello, è disponibile l’arcipelago di Vulkania, un territorio contraddistinto da sabbia finissima, giungle tipicamente tropicali, vulcani attivi, nonché caverne ricolme di luccicanti cristalli.

Questa sarà la nuova location in cui incontrare due nuovi mostri ovvero Grozilla e Grasmera, chiaramente ispirati a noti mostri nipponici, nonché una creatura da cavalcare come il Dragopazzo. L’arcipelago di Vulkania offrirà ai giocatori di Dofus ben 40 nuove missioni, 30 mostri da affrontare, 13 nuovi equipaggiamenti, 5 crateri da esplorare, nonché una nuova missione comunitaria. Cosa volete di più per godervi le vacanze insieme a Dofus?

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>