Devil Survivor, il Giappone è di nuovo in pericolo

di Gaetano Cutri 1


Sia nei film con attori in carne ed ossa che purtroppo o per fortuna non hanno mai varcato i confini nipponici, sia nel grandissimo numero di manga e cartoni animati che invece fortunatamente sono giunti fino a noi, Tokyo o comunque il Giappone in generale, hanno sempre uno stato di pericolo costante, che sia per un attacco da parte di una forma di vita aliena, che sia per un motivo più terrestre come le brame di conquista di un uomo assetato di potere.

E tutto ciò finisce per essere sventato dalle mani di un unico piccolo eroe o da un branco di ragazzini che si ritrova a dover combattere colui che vuole porre fine alla città giapponese più famosa. Ciò accade chiaramente anche in moltissimi videogiochi che approfittano del trend già nato con altre forme di intrattenimento per mettere in pericolo la capitale per affrontare insieme al giocatore un’avventura col fine di riportare pace e tranquillità.


Seguirà esattamente questo filone Devil Survivor, il nuovo titolo della Atlus che andrà ad aumentare la videoludoteca del Nintendo DS presentando un nuovo esponente del genere dei giochi di ruolo di stampo strategico. Esattamente come in The World Ends With You, altro gioco che vi abbiamo presentato qualche tempo fa, il nostro compito sarà quello di salvare Tokyo nel giro di appena sette giorni, altrimenti la distruzione sarà inevitabile.

Il gioco nasce sotto i migliori auspici, soprattutto perché il character design è stato affidato a Kazuma Kaneko, l’artista a cui dobbiamo tutti i personaggi della saga di Megami Tensei, a cui questo gioco strizza fortemente l’occhio rappresentando una sorta di spin-off, e il tanto apprezzato gioco di ruolo Persona che si appresta a tornare con un quarto capitolo su Playstation 2. Un titolo sicuramente da tenere d’occhio fino alla sua uscita nel mese di gennaio.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>