Nintendo contro i giochi a basso costo

di Andrea Guida 6

I giochi per Nintendo 3DS, che costeranno fra i 30 e i 45 dollari, potranno mai competere con i giochi per smartphone e altri dispositivi mobili (iPhone e iPad in primis), che hanno prezzi largamente inferiori, compresi fra uno e dieci dollari?

È questa la domanda che è stata posta in una recente intervista a Reggie Fils-Aime, numero uno di Nintendo America, il quale ha ribadito il concetto – espresso più volte – che Apple App Store ha messo in crisi l’industria dei videogiochi.

Secondo Fils-Aimeuno dei maggiori rischi per la nostra industria (quella dei videogiochi) è rappresentato da tutti quei giochi a basso costo che sono palesemente usa-e-getta” e secondo il dirigente Nintendo “creano una mentalità negli utenti per la quale un gioco dovrebbe costare uno o due dollari“.

Insomma, un gioco come Angry Birds vale quel che costa, ma pensare a titoli come Super Mario o Dragon Quest, il cui sviluppo costa milioni di dollari, venduti a pochi dollari è pressoché assurdo. Come dargli torto?

[via]

Commenti (6)

  1. non sono molto daccordo credo che la qualità complessiva dei giochi negli ultimi anni sia andata via via calando, giochi da 60 euro con finali mozzati o incomprensibili, longevità sempre più risikata costringendo il giocatore a comprare dei dlc per aumentarne lievemente la durata e molto spesso questi non sono nemmeno disponibili su tutte le piattaforme.
    A mio parere i giochi per app store funzionano non solo perchè hanno un costo irrisorio, ma semplicemente perchè hai un rapporto equo tra quello che spendi e quello che hai, cosa che si è persa da molti anni nel mondo dei videogiochi.
    Preciso che non possiedo nessun dispositivo “casual” come ipod, iphone etc, anzi sono un collezionista di giochi per pc e acquisto rigorosamente originale e se possibile in collector edition, ma c’è da dire che purtroppo vuoi per la pirateria o vuoi per l’immensa brama di guadagni dei distributori, il mercato videoludico “classico” è saturo di giochi costosissimi che offrono esperienze di gioco alle volte inferiori ai “giochini” da app store che invece costano semplicemente qualche euro.

  2. @Sansa: questo anche è vero. Diciamo che ci vuole più equilibrio, in tutti i casi. 😉

    ciao!

  3. mi sembra che la nintendo però abbia sfornato sempre,o quasi,giochi che valgono quello che costano,se non di piu u.u

    volete una soluizione per evitare il problema del “ho pagato 60$ per questa m***a”?
    esistono le recensioni sapete?

    personalmente vi assicuro che VALE LA PENA di spendere 40 euro per un gioco per console,che magari puo anche durare solo una decina d’ore(vedesi ghost trick) oppure 300(vedesi monster hunter)!!!
    sono ottimi giochi(ripeto:occhio alle recensioni,informatevi sempre prima di comprare),molto meglio della maggiorparte dei giochi app store,da notarsi pou che le console li possono anche fare girare:vedesi la virtual console!!!

    in ogni caso io compro i giochi per console per avere delle belle emozioni:gli hardcore ti danno quel senzo da…FU*K YEAH!!! quando li finisci,per esempio,la trama,il divertimento!!!

    i giochi alla “app store” sono dei modi per semplicemente passare un po di tempo,spesso non sono neppure divertenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>