Alice Madness Returns, un nuovo gustoso trailer

di Gaetano Cutri 1


Eravamo abituati a vedere la protagonista con lunghi capelli biondi e due profondi occhi azzurri, un abitino dello stesso colore dei suoi splendidi occhi ed un candido grembiulino da bambina per bene ma forse un po’ troppo curiosa, tanto da seguire un buffo coniglio bianco con tanto di panciotto ed orologio a cipolla infilandosi in un albero che magicamente l’avrebbe condotta in quello che tutti definiscono semplicemente come il paese delle meraviglie.

Strambi personaggi e colori accentuati sono soltanto alcuni degli ingredienti del film Disney dedicato alla notissima storia di Alice, ma più recentemente è stato l’incredibile lavoro di Tim Burton a spedirci in un mondo dalle tinte decisamente più dark, facendoci conoscere una protagonista più cresciuta e decisamente più avvezza a combattere anche una vera e propria lotta contro i draghi. Ma siamo sicuri sia stata l’Alice più dark che abbiate mai visto?


Forse dimenticate Alice in versione ancora più oscura che qualche anno fa ci presentò un titolo molto particolare. Si trattava di American McGee’s Alice e i capelli biondi della protagonista erano diventati neri come la pece, quasi come tutto intorno a sé, dipingendo di toni cupi ed angoscianti tutte le scene più o meno note di un ancora più incredibile paese delle meraviglie, lo stesso che visiteremo nuovamente nel seguito diretto del gioco.

Il titolo che vi abbiamo già annunciato e mostrato più volte è Alice Madness Returns e alla zuccherosità di fondo tipica dei cartoni animati di Walt Disney, il nuovo angosciante gioco proporrà dei toni lugubri e degli antagonisti degni di un survival horror, in primis carte da gioco feroci come veri e propri assassini. Il gioco sarà disponibile per Playstation 3, Xbox 360 e PC il prossimo 14 giugno, ma nell’attesa gustatevi pure il nuovo trailer che troverete proprio qui sotto.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>