La leggenda di Beowulf è arrivato sulle nostre Xbox 360

di Gaetano Cutri Commenta

Basta che al cinema arrivi un film di discreto successo o di presunta resa sul pubblico che subito arriva anche la versione videoludica per accontentare i fan di questo o quel film fresco fresco d’uscita nelle sale cinematografiche. Uno degli ultimi in ordine di arrivo è “La leggenda di Beowulf” arrivato sulle nostre Xbox 360.

La trama è chiaramente presa pari pari da quella del film di Robert Zemeckis, e avremo quindi una vicenda ambientata in quel di Danimarca, con un terribile mostro, il Grendel che mette in pericolo l’intera monarchia e toccherà al classico eroe invincibile di turno, in questo caso il giovane ed aitante Beowulf, creduto da tutti invincibile, salvare la città e chiaramente avere la meglio sulla mostruosa creatura.


>>> GIOCABILITA’

“La leggenda di Beowulf” si presenta come un action game puro e semplice. L’obiettivo principale, ma oserei dire unico e solo, del gioco sarà quello di darle di santa ragione a tutte le orrende mostruosità che ci si pareranno davanti, col risultato di creare una bella carneficina, far scorrere sangue a fiumi e possibilmente divertire il giocatore, Avremo la possibilità anche di assoldare degli alleati che però ci verranno semplicemente dietro senza l’opportunità di impartire nessun ordine.

>>> CONCLUSIONI

Che dire, il gioco si limita ad una semplice sequenza di combo, spesso riuscite per puro caso, oppure all’utilizzo della stessa serie di colpi per tutta la durata del gioco, con la conseguente noia mortale che ci coglie dopo aver distrutto i primi boss arrivati dopo le orde di nemici sconfitti sempre allo stesso modo. Nemmeno i piccoli mini-giochi di pressione a tempo riescono a sollevare la media del titolo che sparisce indegnamente nella marea di titolo simili in cui vince chi preme più furiosamente il tasto di attacco.

Voto: 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>