Pac-Man Party, il simbolo dei puzzle game ritorna su console

di Gaetano Cutri 2


Di simboli indiscussi nel mondo dei videogiochi ne abbiamo, a pensarci bene, veramente tanti. Ogni genere di gioco ha infatti dei personaggi particolari che riconducono subito la mente alle proprie avventure, magari anche a chi non si può ritenere un vero appassionato ma un semplice giocatore occasionale che soltanto di tanto in tanto si diverte a fare una partitina magari con qualcosa che non impieghi tanto tempo come un gioco di ruolo o una lunga avventura.

Se prendiamo in esame i picchiaduro, Ryu e Ken con la cinesina Chun Li non possono che essere fra i primi posti, così come il prode Link per la serie di Zelda con i giochi di ruolo, magari scalfendo il primato dei Final Fantasy che cambiano cast ad ogni gioco. Per i platform Mario e Sonic sono senza ombra di dubbio sul podio della classifica, ma per il mondo del puzzle game quale sarà il personaggio che forse per primo vi verrebbe in mente?


Accantonati i buffi traghetti di Puzzle Bubble e gli inanimati mattoncini del Tetris, se volgiamo lo sguardo al passato, ricorderemo sicuramente un personaggio molto particolare che ci avrà fatto spendere un mucchio di monetine nelle sale giochi e che ci ha divertito tanto facendolo fuggire da cattivi fantasmini colorati, pronto ad ingurgitare tutte le palline gialle sparse ordinatamente sull’area di gioco. Avete capito di chi stiamo parlando, no?

Esattamente, di Pacman, un personaggio davvero importante per il mondo videoludico che si appresta a tornare con una divagazione sul tema principale delle sue avventure. Infatti in esclusiva sulla Wii, come primo gioco a vedere protagonista il puntino giallo più famoso di tutti i tempi sarà Pac-Man Party. Come suggerisce il nome si tratterà di un buffo party game ricco di minigiochi tutti da gustare. Non possiamo che attenderlo con infinita gioia.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>