Capcom, dai 20 ai 40 titoli storici della PS1 su PSN

di Gaetano Cutri Commenta


Si tratta di uno dei picchiaduro storici che ha fatto la fortuna dei cabinati in sala giochi e delle varie console su cui uno dei suoi innumerevoli capitoli più o meno ufficiali si è posato. Un florilegio di attacchi innescati con sequenze di tasti ben precise evitando lo schiacciamento forsennato dei controller, regalando quel pizzico di strategia in più che, associato ad un cast via via sempre più numeroso e brillante, ha fatto storia nel mondo dei videogiochi.

Ovviamente stiamo parlando di Street Fighter, uno degli emblemi della lunga carriera di una software house particolarmente attiva nel campo dello sviluppo di videogiochi per console che negli anni ci ha portato molti nuovi capitoli delle sue stupende saghe, rendendo uniche le nostre esperienze di gioco. Se il grande picchiaduro con Ryu e Chun Li è decisamente un nome noto nel panorama videoludico, non possiamo dimenticare le altre perle della pregiata Capcom.


Come non ricordare infatti il survival horror per eccellenza che è di recente arrivato al suo quinto capitolo spostando la serie nell’Africa nera a caccia del virus madre che da anni crea nuove orde di pericolosi zombie più o meno agili e temibili? Quel Resident Evil che ha fatto largo alla serie infinita di giochi orrorifici che oggi infestano le nostre console per la gioia degli appassionati del genere vogliosi di genuini salti sulla sedia.

Ma perché parlare dei grandi titoli Capcom? Semplicemente perché la casa di sviluppo ha reso noto che nel prossimo futuro intende portare su Playstation Network dai 20 ai 40 titoli storici, tra cui molte perle che hanno impreziosito la collezione di giochi per la prima generazione di Playstation. Insomma è probabile che potremo gustare il primo Resident Evil ed altre grandi serie che hanno appassionati i possessori di PS1. Non vediamo l’ora di conoscere i titoli in dettaglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>