Battlefield 5, c’è subito una mini-rivoluzione: morti più “difficili”?

di Enrico Cantone Commenta

Come era lecito aspettarsi, sono stati moltissimi gli utenti che si sono fiondati sui campi di battaglia di Battlefield 5 per provare quello che quasi di diritto può essere considerato come uno dei 4-5 giochi “clou” di questo 2018.

Battlefield 5

Non c’è quindi da meravigliarsi che, a pochi giorni dal rilascio della versione “globale”, i feedback su Battlefield 5 sono presenti un po’ in tutte le community online. Come da tradizione sia DICE (che ha sviluppato il gioco) che Electronic Arts hanno sondato gli umori della community, provando a capire dove si può intervenire sin da subito per rendere l’esperienza di gioco ancora più coinvolgente e realistica.

Ebbene, un po’ a sorpresa la maggior parte delle lamentele, anche se più che altro si tratta di semplici “consigli”, riguarda il Time to Kill e il Time to Death. Parliamo in pratica della velocità con cui si riesce ad uccidere un nemico e di quella con cui si finisce al tappeto dopo essere stati colpiti. In molti hanno segnalato, in particolare, che la velocità con cui si resta uccisi è davvero esagerata: praticamente impossibile cercare un riparo, né capire da dove siano stati sparati i colpi letali.

DICE da sempre è piuttosto reattiva coi commenti della community e ha già annunciato una patch correttiva che potrebbe arrivare a stretto giro di posta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>