Giochi della memoria, Tale Spin

di Gaetano Cutri Commenta


La Disney è una delle più fruttuose e redditizie case di produzione di cartoni animati, compresi i lungometraggi che ancora oggi affollano cinema e intrattenimento casalingo scontrandosi contro i colossi dell’animazione computerizzata. Uno dei più celebri film d’animazione della Disney è sicuramente Il libro della giungla, la storia del piccolo mogli disperso nella savana incontaminata e allevato dagli animali più buoni e generosi per svezzarlo e crescerlo.

Da questo lungometraggio che ha visto la luce nel lontano 1967 è nata una serie di cartoni animati trasmessi anche in Italia su varie reti televisive che però difficilmente qualcuno mette in relazione con il film famoso della Disney. La serie in questione è Tale Spin e il protagonista del cartone è Baloo, il simpatico orso che fa divertire grandi e piccini seguendo le avventure di Mowgli, che però in Tale Spin viene presentato sotto altre vesti.


Infatti Baloo si trasforma magicamente in una sorta di orso aviatore che, accompagnato da una combriccola di animali antropomorfi, tra cui l’affascinante Rebecca, vive delle avventure particolari che caratterizzano tutti gli episodi della serie, facendo notare una certa somiglianza con quel filone di action movie avventurosi che si vedevano una volta al cinema o in tv. Da questa serie famosa e di successo, arrivò anche un videogioco.

Infatti Tale Spin è anche il titolo di un gioco per Sega Mega Drive che, grazie al traino proprio della serie tv ebbe un discreto successo. Nei panni di Baloo e del suo piccolo aiutante, il giocatore, con la collaborazione di un amico in multiplayer aveva il compito di recuperare delle casse attraverso le varie ambientazioni di gioco, separando le sezioni platform da vere e proprie sequenze aeree che caratterizzavano anche il cartone animato. Un gioco adatto ai fan del simpatico orsone Disney.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>