Giochi della memoria, Bastard!!

di Redazione Commenta

Spread the love


Il suo arrivo nelle librerie giapponesi lo abbiamo nell’ormai lontano 1988 dove, con una certa irregolarità ha continuato ad essere pubblicato superando la ventina di volumetti originali. La versione italiana, dopo un assaggio arrivato a noi dalla Granata Press è stata distribuita dalla Planet Manga che ha potuto beneficiare anche di una gustosa versione deluxe per raccogliere le avventure dello strano personaggio protagonista.

Il manga in questione prende il nome di Bastard!! e narra le avventure di Dark Schneider, una sorta di mago che fu imprigionato nel corpo di un ragazzo di nome di Rusie Renren, dopo aver lottato impunemente per la conquista del pianeta contro un esercito demoniaco circa 400 anni prima. Una formula magica ha permesso al leggendario stregone di ritornare in vita se evocato ed è proprio ciò che fece una ragazza di nome Yoko per salvare la sua terra.


Una storia a grandi linee non esattamente originale fa da sfondo al famoso manga giapponese intitolato Bastard!! che all’epoca delle console a 16 bit, vide anche un’incarnazione videoludica su Super Nintendo con una struttura di gioco che voleva evolvere in qualche modo il genere dei picchiaduro classici strizzando l’occhio a quello che sarebbe accaduto un paio di generazioni di console successive al gioiellino dell’epoca della Nintendo.

Infatti il picchiaduro non era rappresentato con il classico 2D che permetteva di sfidare i protagonisti sullo stesso piano, ma offriva una certa profondità, con ambientazioni molto ampie ed attacchi magici che andavano a giustificare distanze abnormi tra i due avversari in gioco. Ovviamente vari eroi del manga facevano la propria comparsa anche nell’omonimo titolo che fece la gioia degli appassionati di quelle avventure ma non convinse appieno i puristi dei picchiaduro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>