Duke Nukem Forever, svelato il primo DLC

di Gaetano Cutri 1


La voglia di retrò è sicuramente una delle mode del momento, almeno a giudicare da quanto vendano alcuni titoli che sembrano tornati indietro dall’oltretomba come dei fantasmi che non hanno trovato pace, rinvigoriti dalle mille possibilità offerte dalle console attuali e capaci di riportare in vita alcuni personaggi del passato che ai giovanissimi erano completamente sconosciuti, mentre i nostalgici custodivano strettamente nel proprio cuore.

Mille sarebbero gli esempi che si possono fare al riguardo, non tutti ovviamente con un grado di soddisfazione, da parte delle relative compagnie di sviluppo, in quanto a vendite ottenute e, di riflesso da parte dei giocatori per aver rispettato delle aspettative forse a volte un tantino alte. Chi sembra abbia un po’ toppato il ritorno in grande stile che gli si prospettava, a malincuore, pare sia stato il duca degli sparatutto che si è rimesso sotto i riflettori qualche mese fa.


Si tratta di Duke Nukem Forever, nuovissimo episodio della saga che stranamente non ha riscosso il successo previsto. Le vendite insomma ci sono state all’inizio ma poi quasi subito il gioco è sparito dalle classifiche ed è stato visto sui banchetti delle offerte. Atmosfera troppo retrò? Può darsi, ma la Gearbox, forse per alimentare la linfa che ancora scorre nel titolo, ha ben pensato di svelare dei dettagli del primo DLC chiamato Hail to the Icons Parody Pack.

Le chicche di questo DLC sono rappresentate da quattro nuove mappe in cui ci si divertirà ad esempio con il mini-Duke o ancora con delle minipistole, nonché tre nuove modalità da gustare in multiplayer. Il pack sarà disponibile in versione Xbox 360, Playstation 3 ed anche PC e sarà gratuita per i First Class Access Member, mentre il prezzo sembra ancora sconosciuto per tutti gli altri. Questo nuovo DLC sarà sufficiente per ridestare nuovamente il nostro duca?

Commenti (1)

  1. sperando contenga qualche livello singlelpayer decente più che altro…sta moda del multiplayer ad ogni costo comincia a diventare stancante…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>