Lego Universe: un MMO di mattoncini

di Onitaku Commenta

Chi di voi non si è mai sentito un pò come Dio giocando con i Lego? Effettivamente abbiamo sempre fatto parte dell'”universo lego” solo come registi della nostra storia. Come potrebbe essere impersonare un omino fatto di pezzi intercambiabili? Lo abbiamo sicuramente scoperto con i tantissimi titoli usciti per console e pc in questi anni, ma ciò che ci siamo trovati davanti è sempre stata un IA e mai un giocatore pensante.

Se vi stuzzica l’idea perchè non dare un’occhiata a Lego Universe. Ebbene si, dopo tanti anni di attesa, siamo stati ripagati con questo promettente MMO. L’uscita è prevista per il prossimo anno, ma, spulciando qua e la, siamo riusciti a scovare una buona quantità di notizie ufficiali che ci anticipano cosa sarà in grado di fare il nostro omino giallo.Partendo dalla creazione del personaggio, avremo a disposizione due slot per i nostri personaggi più un terzo per un ghost fluttuante: in sostanza la nostra anima nel gioco. Un omino di Lego infatti non potrà morire, ma potrà essere distrutto ed essere riscostruito simile a prima. Per selezionare le parti del corpicino ruoteremo il mouse e sceglieremo quello che più ci aggrada.

Naturalmente le scelte possibili saranno numerosissime e qui entra in gioco una delle più entusiasmanti feature del gioco. In Lego Universe “saremo cosa indosseremo”. Cosa vuol dire? In parole povere le nostre abilità saranno determinate da cosa indossa il nostro personaggio. Per fare un esempio se vestiremo il nostro avatar da Ninja acquisiremo le abilità della classe scelta ecc.

La possibilità di sbloccare nuovi guardaroba, e quindi nuove “classi“, sarà una motivazione in più per giocare e ottenere tutto il possibile. Non dimentichiamoci inoltre che stiamo giocando a Lego e, come se stessimo giocando al Lego reale, saremo in grado di costruire qualsiasi cosa ci passi per la testa. Ovviamente ancora non è stato rilasciato nulla a riguardo, ma solo la conferma che saremo in grado di farlo ci fà venire l’acquolina in bocca.

Recentemente è stato ufficializzato che la software house ha ingaggiato un gruppo di tester/lego addicted chiamato LUPS (Lego Universe Project Support) che ha il compito sia di testare il sistema di “crafting” lego virtuale sia di contribuire alla creazione della maggior parte del mondo che ci circonderà nel gioco.

Questo nuovo MMO ha tutte le carte in regola per diventare un Must nel mondo dei giochi virtuali. Ci farà rivivere la nostra infanzia e sarà sicuramente un modo di far conoscere ai più piccoli il mondo dei Lego attraverso il computer. E voi che ne dite? Sarà l’evoluzione del Lego analogico o resterà una categoria a parte?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>