Wolfenstein: The New Order nel 2013 su PC e console

di Giovanni Ferlazzo Commenta

Bethesda Softworks e Zenimax Media hanno annunciato ufficialmente lo sviluppo di Wolfenstein: The New Order, nuovo capitolo della serie che sarà disponibile entro la fine dell’anno su PC, PlayStation 3, Xbox 360 e console di nuova generazione PlayStation 4 e Xbox 720. Lo sviluppo del progetto è stato affidato agli studi svedesi di MachineGames, composti da sviluppatori esperti con alle spalle diversi titoli acclamati dalla critica, come i due The Darkness.

Ulteriori informazioni sul gioco saranno distribuite nei prossimi giorni. Nel frattempo, è certo che Wolfenstein: The New Order proverà a reinterpretare il franchise in chiave sconvolgente e drammatica rispetto gli ultimi capitoli della serie. Jeas Matthies, direttore creativo di MachineGames, ha detto:

Siamo orgogliosi di poter offrire un nuovo capitolo di Wolfenstein ai giocatori di tutto il mondo. In quanto fan della serie, lavorare a questo titolo è un onore, e il nostro team intende creare un’esperienza action-adventure indimenticabile che soddisferà tutti gli appassionati degli sparatutto in soggettiva.

Il primo capitolo storico della serie è stato ideato da Silas Warner e risale addirittura al 1981: si chiamava Castle Wolfenstein e si trattò di uno dei primi titoli a essere dotati di meccaniche stealth. Venne reso inizialmente disponibile su Apple II, prima di arrivare anche su Atari 8-bit, MS-DOS e Commodore 64. Il seguito ufficiale è Beyond Castle Wolfenstein, prima del cambio di rotta definitivo che avverrà con id Software e il suo Wolfenstein 3D. Quest’ultimo è diventato famoso per aver reso popolare e amato in tutto il mondo il genere degli sparatutto in prima persona su PC.

Da allora si sono susseguiti diversi seguiti e spin-off, ma nessuno è mai riuscito a replicare l’epicità e l’importanze del primo capitolo sviluppato da id Software, fatta eccezione per Return to Castle Wolfenstein e Enemy Territory. Naturalmente la speranza è che MachineGames riesca nel difficile compito non tanto di oscurare necessariamente Wolfenstein 3D, ma di regalare ai fan un capitolo degno del nome che porta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>