Putty Squad, l’eroe di gelatina assale Playstation Vita

di Gaetano Cutri 1


Nel mondo dei videogiochi, ormai composto da frastagliati titoli che appartengono ai generi più svariati che, man mano si stanno ampliando sempre di più scoprendo nuove realtà, per assurdo ci è capitato di interpretare ruoli sempre differenti ed originali, tra cui anche quello di guidare un personaggio dalle sembianze decisamente amorfe, lasciando quindi una certa versatilità nell’azione avendo a che fare con qualcosa di quasi incorporeo.

Come dimenticare le gelatine che cadevano dal cielo in un qualsiasi delizioso puzzle game della serie di Puyo Puyo, capace di creare una sorta di dipendenza a qualunque giocatore ci incappasse, e cosa dire poi di una delle tipologie di avversari, a dire il vero poco efficaci in battaglia, che ci capita ancora oggi di incontrare in un qualunque capitolo della saga di Dragon Quest? Dimenticato però ancora un eroe del passato che si appresta a tornare.


Eravamo agli inizi degli anni ’90 quando sulle console dell’epoca spuntò la stramba forma di Putty, una sorta di pallina di gelatina dal colore simile a quello di Sonic che, come il ben più famoso porcospino della Sega, si ritrovava come protagonista indiscusso di un platform. Esattamente quel personaggio tornerà alla ribalta su Playstation Vita visto che Putty Squad è stato designato addirittura come uno dei giochi iniziali per la nuova console portatile della Sony.

Prendendo quindi tutto il meglio della struttura tipica da platform old-style nel caro vecchio 2D, il nuovo Putty Squad utilizzerà ovviamente i nuovi controlli di Playstation Vita, ma anche un gameplay saggiamente ridefinito per non svelare la veneranda età di 20 anni dal suo ingresso nel mondo videoludico. Non mancheranno scenari segreti, nonché una modalità multiplayer fino a 4 persone attivabile anche con una sola copia del gioco. Siete felici del ritorno di Putty?

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>