Sega Mega Drive, di nuovo sul mercato in versione moderna

di Gaetano Cutri Commenta


Il panorama attuale del mondo videoludico include una seria di console casalinghe e portatili di tutto rispetto che riescono, grazie alle proprie caratteristiche uniche e alla collezione di giochi che compongono, tra titoli in esclusiva e pubblicazioni generali, un vero e proprio carnet che riesce ad accontentare ogni tipo di gusto del pubblico odierno ormai smaliziato e bisognoso di novità e boccate d’aria nuova.

Se la Wii può essere adatta per un pubblico più giovane o per le classiche partite da godersi in famiglia, magari avvicinando al mondo dei videogiochi anche chi gli è sempre rimasto lontano, Playstation 3 e Xbox 360 si spartiscono più o meno equamente una buona fetta di mercato tra chi preferisce le esclusive della console Sony giunta ormai alla terza generazione, oppure chi è rimasto colpito dalla capacità della Microsoft di entrare in competizione con una console.


Ma se volgiamo uno sguardo al passato, vedrete che l’enorme successo delle console attuali è dovuto anche ai primi passi che i giochi riuscivano a fare sulle macchina da gioco più vecchiotte, in special modo nell’era a 16 bit in cui si lanciava una grafica più curata ed un occhio di riguardo alle trame dei vari titoli. Una di queste console, ormai indimenticabile per i capolavori che sono rimasti nella sua storia è sicuramente il Sega Mega Drive.

Tenetevi forte perché probabilmente per accontentare gli inaffondabili fans nostalgici ancora appassionati dei vecchi titoli per Mega Drive, la console in versione rinnovata verrà lanciata sul mercato nuovamente con una collezione di ben 15 classici al prezzo, per il mercato inglese di £39,99. La Sega ha fatto sapere che lo slot per le carucce sarà anche multiregione, quindi se conserviamo vecchi giochi, di qualunque nazionalità, potranno essere letti dalla nuova macchina. Un sogno si realizza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>