Tales of Symphonia, in ritardo in Europa ma con tanti extra

di Gaetano Cutri Commenta


Il gioco di ruolo nel nostro paese purtroppo non ha questo grande risalto come accade in una nazione come il Giappone dove questo genere è amato ed ammirato e può vantarsi un numero di accaniti appassionati davvero mirabolante, capaci di sviscerare un titolo appartenente a questo filone in modo quasi inquietante, andando a stanare i mostri più segreti e tentando di recuperare ogni arma nascosta ed abilità difficile da ottenere.

Da noi girano maggiormente i titoli d’azione e d’avventura in cui la componente dinamica la fa da padrona, privilegiando quindi alcuni tipi di giochi rispetto ad altri. Questo spesso ha significato il mancato arrivo di alcune perle che avrebbero fatto la felicità di quella “minoranza” che invece stravede per questo genere e che invece deve, per così dire, accontentarsi dei capitoli delle saghe più note come quella di Final Fantasy su tutte.


L’arrivo dei nuovi stili di giochi di ruolo, di stampo più occidentale e quindi improntati maggiormente sull’azione, ha fatto sì che nuove saghe si affacciassero oltreoceano e giungessero anche da noi, come l’interessante, ma sempre posta in secondo piano, serie di Tales of. Se in Giappone e in America è già arrivato il nuovissimo Tales of Symphonia per Wii, da noi bisognerà attendere l’autunno inoltrato per poterci giocare.

Ma considerato questo ritardo, i responsabili hanno infarcito il gioco di gustosi extra. In primis sarà disponibile una galleria di immagini del gioco e di schizzi, ma soprattutto di un sistema per collezionare mostri che ci permetterà di portare dalla nostra parte ed allevare oltre 200 esemplari di creature utilizzabili a nostro piacimento in battaglia, aumentando il fascino di un titolo che si prospetta già brillante. Non vediamo l’ora di provarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>