Viva Pinata: Trouble in Paradise, un tuffo nel verde

di Gaetano Cutri Commenta

vivapinata1.jpg

Sicuramente molti di voi avranno posseduto quel malefico ovetto digitale che al suo interno ci permetteva di far sopravvivere un esserino che pian piano dovevamo curare affinchè la sua crescita avvenisse nel migliore dei modi. Dopo il Tamagotchi ci sono stati molti cloni più o meno riusciti, ma da quell’idea sono nate molti altri prodotti, tra cui la serie di Viva Pinata, un curioso titolo che ora farà il suo ritorno.

Infatti dopo Viva Pinata e il suo mediocre seguito Viva Pinata: Party Animals, arriva su Xbox 360 un nuovo capitolo della serie che ha come sottotitolo Trouble in Paradise. Ma cos’è Viva Pinata visto che, nonostante sia in arrivo il terzo capitolo quasi nessuno ne conosce il funzionamento? In pratica in Viva Pinata avremo il compito di dominare un rigoglioso ambiente per far vivere al meglio i nostri Pinata.


vivapinata2.jpg

Ok, qualche idea chiara in più c’è, ma i Pinata cosa sono? E’ presto detto, i Pinata sono degli animali speciali, una specie di cloni coloratissimi di animali realmente esistenti nel nostro mondo che verranno attirati nel nostro territorio se lo troveranno adatto a loro. Come nuova caratteristica, oltre al mantenimento dell’ambiente generale, potremo utilizzare anche degli accessori come dei giocattoli per attrarre i vari Pinata.

Sarà inclusa anche una modalità per 2 giocatori in cui uno si prenderà il compito di aver cura del territorio, mentre l’altro potrà svolgere piccoli compiti come innaffiare le piante e piantare dei semi, ed interagire con i vari Pinata. Ci saranno location di vario tipo, dal giardino rigoglioso alle superfici desertiche fino a quelle coperte di neve, ognuno adatto a varie specie di animali. Un titolo particolare sicuramente da provare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>