Vandal Hearts, il grande ritorno sulle nuove console

di Gaetano Cutri Commenta


Se non siete nuovi del mondo dei videogiochi e avete già avuto la fortuna di possedere alcune console appartenenti alle vecchie generazioni come la prima Playstation o addirittura il Sega Saturn, da molti purtroppo assolutamente dimenticato, ricorderete una serie di giochi che ad oggi purtroppo sono sconosciuti ai più perché hanno fatto perdere le proprie tracce nella fitta giungla di titoli disponibili, ma che avrebbero ancora molto da raccontare.

Infatti alcune care vecchie saghe del passato hanno avuto poca fortuna nonostante brillassero per alcuni elementi particolari e non hanno avuto la possibilità di tornare sotto una nuova veste sulle macchina da gioco di oggi. Numerose sono per esempio le serie di giochi di ruolo che hanno visto la luce anni fa e che purtroppo sono finite nel dimenticatoio soffocate dal numero sempre maggiore di titoli simili e l’impossibilità per tutti di restare sul mercato.


Uno di questi titoli che purtroppo non è noto ai più è Vandal Hearts, quello che probabilmente potremmo definire come il primo esperimento del suo genere a fare la sua comparsa su una console a 32 bit come la prima Playstation, importando quindi i giochi di ruolo di stampo strategico su una nuova ondata di macchine da gioco aprendo mille orizzonti a tutti gli altri videogames che purtroppo hanno preso il suo posto.

Ma con l’aria di revival che caratterizza le nuove console c’era da aspettarsela una possibilità ed infatti la Konami ha fatto sapere che proprio un nuovo gioco che fa parte della breve ma gloriosa saga di Vandal Hearts vedrà la luce su Xbox Live e su Playstation Network riportando in auge con un gioco totalmente nuovo e non con una mera riedizione del primo titolo, un tesoro passato che finalmente può tornare di nuovo a splendere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>