The Last of Us, un nuovo video racconta lo spirito del gioco

di Gaetano Cutri 1


Una tranquilla passeggiata in auto con la propria bambina, una vera e propria celebrazione del rapporto padre-figlia. E’ questo ciò che immediatamente appare agli occhi di uno spettatore distratto che non sa ancora bene cosa sia The Last of Us e si appresta a guardare il nuovo trailer di quest’attesissimo gioco. Non si può sapere che dietro quell’apparente tranquillità si possa celare qualcosa di assolutamente spaventoso ed inquietante.

L’auto si muove lentamente, percorre i suoi chilometri e le espressioni sui volti dei protagonisti non lasciano inizialmente evincere stati d’animo di particolare pericolo o paura, eppure in quel brevissimo tempo di cui è composto il video, accade davvero tanto, tutto il necessario per farci capire cosa potrà accadere quando metteremo le mani su questo nuovo titolo a metà strada tra un gioco di avventura ed un survival horror.


Proseguendo sul proprio cammino urbano, l’auto incappa in quella che sembra a tutti gli effetti una giungla urbana, con auto accatastate come se ci fosse uno sfasciacarrozze sul vivo dell’autostrada, circondato però da rigogliosa vegetazione cresciuta dopo tanto abbandono. Nessun cambio di espressione sui volti di padre e figlia, abituati a quello scenario ormai famigliare, eppure la vista di un uomo che chiede aiuto, impone all’uomo una scelta drastica.

Aiutare quell’individuo oppure non fidarsi di lui e girare alla larga da quello che potrebbe rappresentare un vero e proprio pericolo? Gustatevi il video di The Last of Us che trovate subito dopo quest’articolo e troverete la risposta a questo quesito. La magia che pervade questo titolo è davvero entusiasmante e siamo sicuri che molti di voi non vedranno l’ora di iniziare quest’insidiosa avventura: come darvi torto d’altronde?

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>