Alice Madness Returns, un video mostra i minigames

di Gaetano Cutri 1


Nell’immaginario collettivo la bionda bambina con due lucenti occhi azzuri è imprescindibilmente legata al nome di Alice, abile visitatrice del paese delle meraviglie di disneyana memoria, ma come ben saprete quel mondo tutto fatto di colori soavi, dolcetti da mangiare per accrescere le proprie dimensioni e buffi cappellai matti intenti a prendere il thè, quanto meno in un contesto videoludico, si trasformeranno in un tenebroso incubo senza fine.

Tutto avverrà con l’uscita nei negozi di Alice Madness Returns, seconda avventure dark di un’Alice totalmente inedita proveniente direttamente dal primo capitolo di questa saga, American McGee’s Alice. Alla larga quindi i colori brillanti del film Disney e largo invece a tanta violenza gratuita, sangue a fiumi e atmosfere lugubri che anche il genio di Tim Burton ha esitato ad inserire nella sua trasposizione cinematografica del classico della narrativa internazionale.


Un nuovo video che è trapelato in rete mostra alcune scene inedite di Alice Madness Returns, avventura molto attesa soprattutto dai sostenitori dell’horror e del gotico, che allontanano la struttura di gioco classica da titolo d’azione, trasformandola in una sorta di prodotto multi-evento. Ricordate infatti quando Alice rischiava di affogare nelle sue lacrime dopo aver varcato la porta del paese delle meraviglie? Qui il tutto è molto enfatizzato.

Infatti non guideremo Alice bensì una sorta di nave antica pronta a distruggere a suon di bombe degli scheletri di squalo. Come se non bastasse la testa mozzata di una bambola potrà essere un ‘alternativa ad una scimmietta incapsulata per una prova alla Super Monkey Ball, per non parlare della ferocia con cui Alice gigante dopo aver mangiato un dolcetto, schiaccerà le carte da gioco armate creando laghi di sangue. Tutto questo lo troverete nel video proprio qui sotto.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>