Crysis 3: recensione dello sparatutto Crytek

di Redazione Commenta

Spread the love

Dopo la tiepida accoglienza riservata a Crysis 2 Crytek ha fatto tesoro degli errori commessi e delle critiche dei giocatori. Dopo due anni di duro lavoro esce finalmente Crysis 3, scoprite insieme alla nostra recensione se il team tedesco ha intrapreso la strada giusta per riportare la serie sui binari della qualità.

Grafica e sonoro

Realizzato con l’ultima evoluzione del motore proprietario CryEngine, Crysis 3 è un vero spettacolo per gli occhi del resto Crytek da questo punto di vista è una garanzia.

Gli ambienti sono sterminati e ricchissimi di dettagli, la foresta trabocca di vegetazione, piccoli esseri viventi e piante che la rendono più viva che mai. Altrettanto positivo il giudizio sugli ambienti chiusi che si rivelano dettagliatissimi, difficilmente noterete stanze vuote o uguali ad altre, ve lo garantisco.

Pregevole il design futuristico dei personaggi e dei nemici, la nuova nano tuta rende il look del nostro eroe ancora più cattivo rispetto a quello di Crysis 2. Notevole la fluidità, personalmente nel corso del gioco non ho mai avuto problemi gravi, se escludiamo qualche piccolo rallentamento nelle situazioni più concitate, niente di particolarmente fastidioso comunque.

Molto buono anche il comparto sonoro, con musiche che ben si adattano all’atmosfera futuristica del gioco ed effetti “metallici” che rendono alla perfezione l’idea di un mondo in decadenza.

Giocabilità e longevità

La trama di Crysis 3 è ambientata nel 2047, 24 anni dopo gli eventi narrati in Crysis 2. New York è ormai devastata ed il nostro eroe dovrà darsi da fare per sterminare una pericolosa minaccia creata dalla C.E.L.L. Corporation.

Aspettatevi un FPS adrenalinico e ricco di sezioni emozionanti, la trama di Crysis 3 presenta una storia a dire il vero piuttosto lineare ma certo non priva di colpi di scena. La campagna single player si snoda lunga vari livelli, ambientati sia nella giungla desolata sia nella New York devastata dagli eventi.

Da segnalare la presenza di nuove armi (come l’arco) e di nuovi poteri modulari per la nano tuta, grazie a questi il protagonista diventerà sempre più potente e meno esposto agli attacchi nemici. Proprio la nano tuta è uno degli elementi principali del gameplay, combinando le varie abilità infatti sarà possibile personalizzare le abilità di Prophet.

La modalità storia vi garantirà circa 10/12 ore di gioco, perfettamente in linea con gli standard del genere, non dimentichiamo poi il multiplayer con diverse modalità a disposizione e continui aggiornamenti previsti nel periodo post lancio.

1 2Prossimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>