Mars, il gioco di ruolo fuori dai canoni

di Gaetano Cutri Commenta


Rappresenta il quarto pianeta del sistema solare, uno di quelli con cui l’uomo più volte tenta un contatto per scoprire i vari segreti, per venire a conoscenza di eventuali forme di vita passate o addirittura presenti evitandoci la presunzione di essere le uniche creature nel sistema solare esistente. Pieno di ossido di ferro, acquisisce così una colorazione particolare che lo ha presto definito come il pianeta rosso.

Stiamo ovviamente parlando di Marte, uno dei più affascinanti mondi lontani da noi che prima o poi riusciremo a conoscere meglio, ma che intanto rappresenta uno dei luoghi realmente esistenti, oltre la Terra stessa, più nominati ed utilizzati all’interno di vari titoli videoludici e la lista pare proprio che aumenterà almeno di unità visto che i programmatori della Spiders, una casa di sviluppo recentemente formatasi, sta realizzando Mars.


Si tratta di un gioco di ruolo decisamente lontano dai classici di scuola nipponica, infatti qui non ci troveremo a che fare con quei noiosi combattimenti casuali ma avremo i temibili nemici che dovremo affrontare decisamente ben visibili sul terreno di gioco e dovremo sconfiggerli come se ci trovassimo in un qualunque titolo d’azione visto che la componente dinamica è fortemente presente all’interno di questa primogenito della Spiders.

Il gioco è appunto ambientato sul pianeta Marte come suggerisce il titolo e ci metterà alla guida di due protagonisti principali, Seth e Pandora. Il primo farà largo uso di armi piuttosto convenzionali, mentre la seconda sarà orientata maggiormente verso l’utilizzo di magie e il loro scopo sarà quello di ritrovare la propria identità in uno scenario apparentemente post-bellico. Attendiamo nuove informazioni su Mars, un titolo che sembra promettere bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>