Dan Tudge lascia la Bioware e va in Propaganda della Disney

di Gaetano Cutri Commenta


Il mondo fatato che abbiamo conosciuto da bambini e che continua ad ammaliarci da adulti spesso è costellato di personaggi che vengono fuori dalla matita di un bravissimo disegnatore che è diventato un vero e proprio emblema della fantasia e del buonumore, capace di provocarci bellissime emozioni qualunque sia la nostra età grazie ad una schiera praticamente infinita di protagonisti, tra il classico e moderno, semplicemente irresistibili.

Stiamo parlando chiaramente di Walt Disney, il grande maestro dei fumetti e dell’animazione che ha permesso la nascita di un personaggio tanto perfetto da risultare quasi antipatico come Topolino e l’anatra più pasticciona e simpatica del mondo che prende il nome di Paperino, senza contare tutta la serie di eroi che ben conosciamo. La Disney però ha diverse branche che riguardano anche il settore dei videogiochi e che di recente hanno acquistato un nuovo membro.


Infatti è entrato a far parte del team di sviluppo Propaganda, di proprietà appunto della Disney, un certo Dan Tudge, un nome che forse non vi dirà nulla ma che in realtà nasconde la mente che è dietro l’intero franchise di Dragon Age, uno dei più ammirati gioco di ruolo per PC. Dan Tudge ha quindi deciso di abbandonare il suo ruolo all’interno della Bioware per andare a coprire la posizione di vicepresidente all’interno del team Propaganda.

Il nuovo gruppo di lavoro pare stia già lavorando su due interessanti progetti di cui uno dovrebbe nascondere un inedito gioco di ruolo. Il posto lasciato vacante da Tudge pare che verrà occupato da Mark Darrah, una brillante mente che ha collaborato alla realizzazione di giochi come Baldur’s Gate e Neverwinter Nights, insomma decisamente non uno qualunque. Vedremo se questi cambi di poltrone ci porteranno notevoli benefici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>