Witch Lore, un inquietante puzzle game su Facebook

di Gaetano Cutri 1


Con l’evolversi continuo del genere dei survival horror, il giocatore medio è ormai abituato ad aver a che fare con una moltitudine di creature orripilanti ed inquietanti pronte a mettere le grinfie sui proprio alter ego virtuali. Incontri inaspettati dietro porte semichiuse, corridoi bui dai quali spuntano indisturbati mostri di qualunque specie o magari un semplice fantasma dal sapore antico che aleggia in una stanza spoglia per incutere timore.

Questi sono alcuni degli esempi che possiamo trovare in alcuni survival horror e che continuano sempre a tenere incollato alla sedia l’utente di turno fino a quando un brivido che percorre la schiena non lo costringe ad un balzo di scatto per la paura presa. Se vi piacciono le atmosfere inquietanti fareste bene a tenere d’occhio anche Witch Lore, una delle numerose applicazioni presenti su Facebook visto che potrebbe fare al caso vostro.


Non troverete mostri assetati di sangue, zombie che caracollano in manieri abbandonati e nemmeno spettri provenienti dalla tradizione nipponica che vogliono spaventarci a morte. Tutto quello che troverete di inquietante può essere l’ambientazione, tutta dedicata al mondo stregonesco e dell’occulto, con teschi e ragnatele, ma con una struttura di gioco che invece si pone prettamente nel filone dei puzzle game, adatti a tutta la famiglia.

In Witch Lore, lo scopo del gioco è eliminare tutti i quadratini presenti nell’area di gioco selezionandone un gruppo. Ciò è facile nei primi livelli di gioco in cui i cubetti sono di pochi colori, ma ciò diventa arduo col passare degli stage, perdendo vite su vite ogni volta che si elimina un quadratino singolo. I teschietti posti tra i piccoli elementi da eliminare rappresentano delle bombe, ma attenzione a giocarli bene perchè Witch Lore sembra facile, ma non lo è!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>