Magic Land, guardiani di un regno fantasy su Facebook

di Gaetano Cutri 1

Come pensereste di trovarvi nei panni di un guardiano di un antico reame, proprio uno di quelli di cui abbiamo tanto letto nei numerosi romanzi fantasy che hanno occupato gli scaffali delle nostre librerie o di tutti quei regni più o meno incantanti che abbiamo avuto modo di conoscere attraverso tutti i prodotti televisivi e cinematografici legati a questo filone o ancora tramite alcuni videogiochi che hanno fatto del fantasy la propria bandiera?

Sareste capaci di accudire i desideri della popolazione riuscendo a costruire un sufficiente numero di alloggi per permettere a tutti di abitare il paese nel modo più tranquillo e cortese, rifornendo anche le stesse abitazioni di cibo a sufficienza per soddisfare il fabbisogno nutrizionale degli occupanti? E se dovesse arrivare un mostro a mettere i bastoni tra le ruote? Queste ed altre situazioni le troverete in Magic Land.


Non si tratta del nuovo gioco di ruolo presto disponibile per le console di nuova generazione, magari creato da una delle più valenti case di sviluppo specializzate in questo settore, ma stiamo parlando invece della nuova applicazione disponibile su Facebook che ci metterà alla prova proprio con questi problemi e queste missioni, in uno scenario che ricorda molto da vicino proprio i classici reami che si possono visitare in un qualunque gioco di ruolo fantasy.

Vari tipi di case rappresenteranno i primi edifici da posizionare e su cui lavorare, collegandoli ovviamente con il grande castello. Eliminare draghi e troll che oseranno giungere nel nostro territorio saranno alcune delle missioni che dovremo soddisfare, così come coltivare degli appezzamenti di terremo con vari tipi di frutta e verdura. Magic Land è un gioco dallo stile fumettoso e accattivante e, nonostante la scarsa originalità, vale la pena sicuramente provarlo.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>