Abandoned, l’investigatore del sovrannaturale in fuga da Facebook

di Gaetano Cutri Commenta


Molte volte al cinema ci è capitato di assistere alla proiezione di alcuni film che hanno come ingrediente fondamentale l’indagine, una fitta ricerca da parte di un investigatore, di un poliziotto, di un semplice civile con tanta voglia di farsi giustizia da solo, impegnati in una missione molto importante, come quella per scovare un individuo pericoloso e sgominare una banda poco incline alle buone maniere, il tutto per alimentare il nostro coinvolgimento.

A volte per introdurre degli elementi innovativi, i registi e gli sceneggiatori introducono anche alcune strane caratteristiche pescandole dal calderone del sovrannaturale, farcendo così indagini di poteri spirituali o di creature provenienti dal vasto universo fantasy. Qualche volta tutto questo viene anche portato direttamente in un gioco per console, ma da un po’ anche direttamente su Facebook dove troveremo una nuova applicazione molto interessante.


Il suo titolo è decisamente esplicativo Abandoned. Ci ritroveremo infatti nei panni di una persona incaricata di condurre delle indagini che lo porteranno su una pista che ha molto a che fare con l’elemento sovrannaturale e che gli sbarreranno la strada, ad un certo punto, quando noi prenderemo il suo comando in una struttura con visuale in prima persona, facendolo ritrovare solo ed abbandonato in quello che sembra una sorta di locale interrato e sporco.

Il gioco si prospetta difficile sin dall’inizio, con una botola sul soffitto che probabilmente ci porterebbe fuori in un batter d’occhio, ma saldamente chiusa da un lucchetto e un buco profondo sulla destra in cui proprio non vorremmo calarci per scoprire cosa si nasconda in quell’oscurità. Pensate di avere il fegato necessario per tentare la fuga al vostro alter ego virtuale? In tal caso provate pure Abandoned, magari riuscirete a scappare dall’incubo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>