Sly Collection, immagini della nuova versione del ladro procione

di Gaetano Cutri 1


Nella nostra lunga carriera videoludica, di animali antropomorfi ne abbiamo visti davvero a bizzeffe, pronti per rivestire ruoli da semplici comprimari, da personaggi secondari o addirittura come protagonisti nei nostri giochi preferiti pubblicati sulle console delle varie generazioni che si sono avvicendate fino ad oggi. Abbiamo avuto scoiattoli con i guantini bianchi, orsi abilissimi lottatori e addirittura cani della prateria con i jeans.

Chi però potrebbe dimenticare, per quanto riguarda la famiglia dei roditori, del più ammirato ed idolatrato personaggio che ha reso indelebile l’era delle console a 16 bit, quel porcospino blu che ha iniziato a correre a perdifiato fin da quando ha fatto capolino la sua prima avventura ormai circa vent’anni fa e che continua a regalarci nuove perle. Ma non dimentichiamo che in tempi più recenti, Sonic è stato raggiunto da un nuovo personaggio molto interessante.


Non ha forse la stessa velocità del porcospino della Sega, ma quella specie di procione a cui è stato affibbiato il nome di Sly e che dalla seconda generazione di console Playstation si diverte a farci compagnia, ha dalla sua un’abilità incontrastata, quella di muoversi in modo silenzioso e circospetto, proprio per rendere possibili i suoi obiettivi, da abilissimo ladro qual è. E Sly come saprete bene lo ritroveremo presto sulle nuove console.

Non solo, come forse ricordate, Sly 4 è ormai una garanzia ufficiale, ma a fare capolino proprio in questi giorni ci sarà anche Sly Collection, una raccolta abilmente rimasterizzata delle prime tre avventure uscite su Playstation 2 dell’ammirato protagonista. La compatibilità con Playstation Move renderà questo nuovo revival ancora più gradito, ma se volete dare un’occhiata a ciò che vi aspetta, una nuova gallery è disponibile proprio qui sotto.

[Photo Credits | Gamekyo]

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>