Giochi della memoria, Toejam & Earl Panic on Funkotron

di Gaetano Cutri Commenta

Li abbiamo conosciuti la scorsa settimana con la rubrica dei giochi della memoria che narrava delle loro disavventure dopo l’impatto della loro astronave ridotta in pezzi su un pianeta per loro sconosciuto, ma Toejam, l’alieno rosso con due occhioni e tre gambe ed Earl il panciuto compare arancione che indossa gli occhiali da sole, non si sono limitati ad avere un solo gioco, infatti su Sega Mega Drive arrivò anche un gradito sequel.

Il gioco non aveva un semplice “2” nel titolo, ma prendeva il nome di Toejam & Earl in Panico on Funkotron e portò una vera rivoluzione al gioco precedente, caratteristica visibile già al primo impatto visto che venne abbandonata la particolare visuale del primo titolo per passare ad una semplice prospettiva laterale da classico platform game, novità che portò un incremento delle dimensioni dei personaggi e una brillantezza ai colori acidi.


Nel primo gioco li abbiamo visti precipitare sulla Terra, in questo nuovo titolo li vediamo invece tornare nel paese natale.. in compagnia di alcuni terrestri finiti sulla loro astronave! Il loro compito sarà quello di catturare i visitatori stranieri rinchiudendoli in alcuni barattoli e riportarli sulla Terra raggiungendo un’astronave posta alla fine di ogni stage, il tutto in un mondo particolarmente colorato e simpatico.

I protagonisti avevano anche un equipaggiamento tutto nuovo e delle abilità inedite, ovvero super-barattoli per catturare istantaneamente l’umano di turno, la funk move con cui muoversi freneticamente diventando invulnerabili per un periodo limitato di tempo e il Funk Scan per scoprire porte e oggetti segreti altrimenti invisibili. Una vera spolverata di novità ad un gioco che era già interessante e si è trasformato nel secondo episodio in un vero e proprio must.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>