Valve, Gabe Newell nuovo miliardario per Forbes

di Gaetano Cutri Commenta


Qualcuno ha ancora il coraggio di affermare che i giochi acquistati in negozio possano rappresentare il futuro dell’intrattenimento videoludico internazionale. Eppure, dati alla mano, si nota palesemente che qualcosa sta seriamente cambiando in questo campo, a giudicare dai continui aggiornamento degli store virtuali e dalla possibilità ormai diffusissima, di divertirsi anche con smartphone e tablet da cui è facile effettuare download.

Insomma il mercato virtuale sta diventando sempre più florido e redditizio per i vari titoli che vanno a contribuire ulteriormente all’estensione di questo fenomeno. Lo sa bene soprattutto la Valve, nome davvero altisonante nell’universo videoludico che ha beneficiato di grandissime entrate grazie alla proposta Steam, ai primi posti in quando distributrice di giochi da scaricare. Quest’operazione ha trasformato Gabe Newell come uno dei nuovi miliardari nel settore videoludico.


Dimenticate pure i vecchi nomi che circolano ormai da anni nell’universo brillante del videogioco, visto che i tempi stanno cambiando e il settore più redditizio sembra essere proprio quello delle piattaforme da cui scaricare. Grazie ai numerosi introiti provenienti da Steam, ma anche grazie a vari giochi particolarmente azzeccati negli ultimi anni tra cui l’inarrestabile Portal 2, la Valve ha tratto molti benefici dalle ultime stagioni sul mercato.

Tutto questo ha permesso a Gabe Newell, possessore della metà del capitale privato della Valve, di trasformarsi, secondo Forbes, in uno dei nuovi miliardari nel settore dell’intrattanimento videoludico, arrivando alla cifra di circa un miliardo e mezzo di dollari. Cifre davvero spaventose che però hanno fatto scalare in classifica Newell: tra i 1226 miliardari al mondo, compare all’854° posto: chissà cosa potrà accadere quando e se sarà lanciata la console Steam Box?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>